sabato 03 dicembre | 12:58
pubblicato il 11/lug/2013 15:16

Pd: 13 deputati scrivono a Epifani e Speranza, basta insulti tra di noi

(ASCA) - Roma, 11 lug - ''Di fronte ai veri e propri insulti rivolti da colleghi Pd ad altri deputati del gruppo, crediamo che sia opportuna una valutazione da parte vostra sulla vicenda, per capire se non siano stati superati i confini minimi della correttezza e della decenza''. E' quanto chiedono i deputati del Partito democratico Michele Anzaldi, Matteo Biffoni, Luigi Bobba, Simona Bonafe', Ernesto Carbone, Filippo Crimi', Marco Donati, David Ermini, Luigi Famiglietti, Edoardo Fanucci, Federico Gelli, Ernesto Magorno, Laura Venittelli, in una lettera al segretario del Pd, Guglielmo Epifani, e al capogruppo alla Camera, Roberto Speranza. ''Le agenzie di stampa - scrivono i deputati nella lettera - hanno riportato l'epiteto, non smentito, di 'sciacalli' rivolto da un collega del gruppo parlamentare del Pd ad altri deputati democratici, semplicemente perche' hanno effettuato una scelta diversa dalla sua nella votazione di ieri sulla richiesta di sospensione dei lavori parlamentari, in una situazione che ha alimentato dubbi e incertezze su come e' stata gestita l'intera vicenda e che ha scatenato la protesta e l'incomprensione dei nostri elettori. Oggi, dalla lettura dei quotidiani, apprendiamo che lo stesso collega avrebbe ritenuto opportuno apostrofare un altro deputato del Pd con un termine ancor meno onorevole: ''merda'. La motivazione sembra essere la stessa: aver operato una valutazione diversa sulla sospensione dei lavori parlamentari''.

''Si tratta di episodi - aggiungono i 13 onorevoli Pd - che non esitiamo a definire gravi, poiche' legittimano addirittura l'insulto pubblico per chi non si allinea, in presenza peraltro di decisioni poco chiare e discutibili che hanno fatto parlare di cedimento a Silvio Berlusconi. Di fronte all'assenza di smentite, che alimenta un clima di scontro e di assoluta mancanza di rispetto tra colleghi di partito, ci chiediamo se situazioni del genere possano essere accettate in un contesto politico comune''. com-brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari