domenica 04 dicembre | 03:34
pubblicato il 05/feb/2015 14:00

Patto del Nazareno rotto? Forza Italia sempre più nel caos

Fitto: errori clamorosi, azzeriamo gli organi del partito

Patto del Nazareno rotto? Forza Italia sempre più nel caos

Roma, (askanews) - "Il patto del Nazareno così come è stato interpretato finora è rotto". Parola del consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti. E il partito piomba nel caos, sempre più diviso tra verdiniani e fittiani. Con Silvio Berlusconi combattuto tra l'orgoglio ferito e la volontà di non mettersi in un angolo. Ma condizionato anche, e non poco, dalle lotte interne.

Fitto decide di convocare una conferenza stampa per ribadire, con forza, quello che chiede da tempo: un azzeramento della classe dirigente del partito. "Noi siamo in una condizione nella quale non si può più far finta di nulla - dice Fitto - i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Vi sono degli errori clamorosi compiuti nella fase gestionale di ciò che è accaduto negli ultimi mesi. A questo ci aggiungo che c'è una situazione abbastanza particolare nella gestione del partito. Ribadiamo l'assoluta necessità di un azzeramento totale degli organismi di partito per mettere in campo un confronto democratico sulla linea politica e sulla legittimazione dei quadri dirigenti del partito".

Negli stessi momenti a palazzo Grazioli i big azzurri rassegnano "simbolicamente" le loro dimissioni nelle mani di Berlusconi: una strategia stabilita qualche giorno fa proprio per cercare di neutralizzare la linea fittiana, nella consapevolezza che Berlusconi le avrebbe respinte. Dal comitato di presidenza esce un documento da sottoporre al giudizio dei gruppi parlamentari considerato un "processo" al patto del Nazareno ma che mantiene una discreta ambiguità. Perché non si stabilisce che Forza Italia abbia intenzione di rompere sulle riforme, ormai avviate a conclusione, ma che d'ora in poi si darà il consenso "solo a ciò" che sarà ritenuto "condivisibile per il bene del Paese".

E alcuni renziani esultano: "Il Patto è rotto? Meglio così, ognuno per la sua strada", affermano prima Deborah Serracchiani poi Luca Lotti.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari