mercoledì 22 febbraio | 12:45
pubblicato il 28/ago/2014 12:26

*Patriarchi Chiese Orientali:"violenze Is crimini contro umanita'"

Summit in Libano:"atrocita' contro cristiani, yazidi e minoranze" (ASCA) - Citta' del Vaticano, 28 ago 2014 - In una dichiarazione pubblicata al termine della loro riunione che si e' tenuta ieri a Bkerke' (localita' libanese a 25 km a nord di Beirut), i patriarchi e i capi delle Chiese orientali hanno messo all'indice "i crimini contro l'umanita'" commessi dallo Stato islamico in Iraq (Daech, in arabo) "contro i cristiani, gli yazidi e le altre minoranze".

"I patriarchi - ha riportato l'agenzia Fides, ripresa dal sito di Radio Vaticana - sottolineano che la presenza cristiana e' minacciata in diversi Paesi, in particolare in Egitto, Siria e Iraq. "I cristiani di questi Paesi sono vittime di aggressioni e di crimini odiosi, che li spingono ad emigrare a forza dai loro Paesi, dove sono cittadini originari da piu' di mille anni. Le societa' islamiche e arabe sono cosi' private di una ricchezza umana, culturale, scientifica, economica e nazionale importante" afferma il documento..

I patriarchi ricordano la "grande catastrofe che si e' abbattuta adesso sui cristiani dell'Iraq, su quelli di Mosul e dei 13 villaggi della piana di Ninive, cosi' come sugli yazidi e sulle altre minoranze". Dopo aver spinto all'esodo 120.000 persone, il Daech ha violato chiese, moschee e santuari, e ha demolito le abitazioni abbandonate da coloro che sono stati costretti a rifugiarsi nelle aree curde di Erbil (che accoglie 60.000 persone) e di Dohouk (che accoglie circa 50.000 persone).

Nel ringraziare coloro che offrono assistenza umanitaria agli sfollati, i patriarchi chiedono un intervento deciso per fermare le "azioni criminali" del Daech. Si chiede in particolare alle istituzioni islamiche di pronunciarsi contro il Daech e gruppi simili, che con le loro azioni "danneggiano considerevolmente l'immagine dell'Islam nel mondo".

Al termine della riunione i patriarchi e i Capi delle Chiese orientali hanno incontrato mons. Gabriele Caccia, nunzio apostolico a Beirut, e gli ambasciatori di Stati Uniti, Russia e Gran Bretagna, oltre al rappresentante personale del Segretario generale dell'Onu in Libano, e ai primi consiglieri dell'ambasciata di Francia e di Cina.

Pol/Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%