sabato 10 dicembre | 13:43
pubblicato il 28/ago/2014 12:26

*Patriarchi Chiese Orientali:"violenze Is crimini contro umanita'"

Summit in Libano:"atrocita' contro cristiani, yazidi e minoranze" (ASCA) - Citta' del Vaticano, 28 ago 2014 - In una dichiarazione pubblicata al termine della loro riunione che si e' tenuta ieri a Bkerke' (localita' libanese a 25 km a nord di Beirut), i patriarchi e i capi delle Chiese orientali hanno messo all'indice "i crimini contro l'umanita'" commessi dallo Stato islamico in Iraq (Daech, in arabo) "contro i cristiani, gli yazidi e le altre minoranze".

"I patriarchi - ha riportato l'agenzia Fides, ripresa dal sito di Radio Vaticana - sottolineano che la presenza cristiana e' minacciata in diversi Paesi, in particolare in Egitto, Siria e Iraq. "I cristiani di questi Paesi sono vittime di aggressioni e di crimini odiosi, che li spingono ad emigrare a forza dai loro Paesi, dove sono cittadini originari da piu' di mille anni. Le societa' islamiche e arabe sono cosi' private di una ricchezza umana, culturale, scientifica, economica e nazionale importante" afferma il documento..

I patriarchi ricordano la "grande catastrofe che si e' abbattuta adesso sui cristiani dell'Iraq, su quelli di Mosul e dei 13 villaggi della piana di Ninive, cosi' come sugli yazidi e sulle altre minoranze". Dopo aver spinto all'esodo 120.000 persone, il Daech ha violato chiese, moschee e santuari, e ha demolito le abitazioni abbandonate da coloro che sono stati costretti a rifugiarsi nelle aree curde di Erbil (che accoglie 60.000 persone) e di Dohouk (che accoglie circa 50.000 persone).

Nel ringraziare coloro che offrono assistenza umanitaria agli sfollati, i patriarchi chiedono un intervento deciso per fermare le "azioni criminali" del Daech. Si chiede in particolare alle istituzioni islamiche di pronunciarsi contro il Daech e gruppi simili, che con le loro azioni "danneggiano considerevolmente l'immagine dell'Islam nel mondo".

Al termine della riunione i patriarchi e i Capi delle Chiese orientali hanno incontrato mons. Gabriele Caccia, nunzio apostolico a Beirut, e gli ambasciatori di Stati Uniti, Russia e Gran Bretagna, oltre al rappresentante personale del Segretario generale dell'Onu in Libano, e ai primi consiglieri dell'ambasciata di Francia e di Cina.

Pol/Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina