sabato 21 gennaio | 15:17
pubblicato il 03/mag/2012 19:00

Partiti/ Stallo su rata luglio e entità taglio, decideranno ABC

Intesa su 'tedesco': 2/3 legati a voti, 1/3 cofinanziamento

Partiti/ Stallo su rata luglio e entità taglio, decideranno ABC

Roma, 3 mag. (askanews) - Il modello l'hanno scelto, Pd, Pdl e Terzo polo, un sistema simile a quello tedesco, ma lo stallo è sul nodo della questione: quanto tagliare e a partire da quando. Saranno Pier Luigi Bersani, Angelino Alfano e Pier Ferdinando Casini, a questo punto, a tentare la mediazione finale: i tre segretari dovrebbero parlare della questione già nelle prossime ore e, comunque, senz'altro prima di lunedì, dal momento che i tre partiti hanno garantito al Governo che all'inizio della prossima settimana verrà formalizzata la proposta comune. Secondo quanto viene riferito, il Pd sembra avere assunto una posizione intransigente, chiede un taglio del 50% da applicare subito, ipotesi che lascia perplessi Udc e Pdl: "Ora si sono convertiti al dimezzamento...", commentava una fonte centrista. Da largo del Nazareno assicurano che non si torna indietro: "Noi - dicono fonti vicine al segretario - presentiamo la nostra proposta, che prevede il dimezzamento dei contributi da subito. Se loro non vogliono, vadano in tv a spiegarlo...". L'accordo sarebbe stato raggiunto, invece, sul nuovo meccanismo. Secondo quanto si apprende da fonti del Pdl, ci sarebbe intesa su un sistema di finanziamento ai partiti alimentato da due 'canali': 2/3 dei contributi sarebbero legati, come adesso, ai voti ottenuti; il restante terzo verrebbe erogato solo a condizione che il partito presenti documentazione di un cofinanziamento privato. Uno schema simile a quello ipotizzato dal Pd. Il problema, appunto, è l'entità del taglio: si deve capire quanto ridurre i contributi pubblici e se applicare le nuove norme già alla 'tranche' che i partiti dovrebbero incassare a luglio. Un problema che gli 'sherpa' sono sono stati in grado di risolvere e che ora dovranno affrontare direttamente i leader, sapendo che il Governo, con la nomina di Giuliano Amato, ha fatto capire di essere pronto a 'supplire' ad un eventuale mancata intesa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4