lunedì 23 gennaio | 10:16
pubblicato il 07/gen/2014 16:54

Partiti: Senato, al via esame dl finanziamento. No di Fi e M5S

Partiti: Senato, al via esame dl finanziamento. No di Fi e M5S

(ASCA) - Roma, 7 gen - E' iniziato in commissione Affari costituzionali del Senato l'esame del decreto legge sul finanziamento pubblico ai partiti varato dal governo lo scorso 28 dicembre. Oggi sono stati messi ai voti i presupposti costituzionali di necessita' e urgenza, sui quali Forza Italia e M5S hanno votato contro, mentre Sel si e' astenuto. Favorevoli Pd, Nuovo centrodestra, Scelta civica, Misto.

L'esame del provvedimento proseguira' domani con la discussione generale; il termine per la presentazione degli emendamenti e' stato fissato per martedi' prossimo, 14 gennaio alle ore 13. ''Abbiamo votato contro i presupposti di necessita' e urgenza perche' lo strumento del decreto non e' quello idoneo - spiega la posizione dei grillini Vito Crimi, capogruppo in commissione - si e' confusa l'urgenza politica con l'urgenza costituzionale che caratterizza il decreto. Noi pero' ci opponiamo anche nel merito del provvedimento perche' non e' vero che abolisce il finanziamento pubblico ai partiti, ma si limita a cambiare la destinazione dei finanziamenti. Si passa in sostanza da un finanziamento proporzionale all'esito elettorale a un finanziamento proporzionale alla scelta annuale degli elettori, ovvero dei cittadini. Questo per quanto riguarda il 2 per mille. Poi c'e' la parte delle detrazioni fiscali delle aziende, che a nostro avviso rischiano di far addirittura aumentare il finanziamento ai partiti, visto che possono detrarre tali donazioni fino al totale dell'imposta lorda. Ma le detrazioni poi le paghiamo noi. Insomma il finanziamento pubblico non e' abolito e la riprova e' che lo Stato deve trovare le coperture''.

Piu' sintetico, se non laconico, il senatore di Forza Italia, Pierantonio Zanettin: ''Noi siamo forza di opposizione, votiamo contro direi quasi a prescindere.

Comunque siamo contrari allo strumento del decreto, non c'a' alcuna ragione di necessita' e urgenza''.

Sostanzialmente sulla stessa linea anche Sel, che pero' si e' limitata all'astensione. ''Ci siamo astenuti non per il merito ma per l'uso della decretazione d'urgenza - sottolinea Loredana De Petris -. C'e' un disordine degli strumenti messi in campo che provoca problemi''. ''Siamo partiti - osserva alla fine il ministro per le Riforme, Gaetano Quagliariello - oggi si sono votati i presupposti di necessita' e urgenza. L'obiezione di M5S e' quella sull'urgenza e sull'omogeneita'. Noi abbiamo osservato che c'e' urgenza non solo politica ma anche costituzionale, perche' se vogliamo che il decreto entri in vigore per il 2014 bisogna convertirlo entro il 28 febbraio. Il dl ricalca alla virgola il ddl approvato alla Camera. Sull'omogeneita' abbiamo ricordato che fin dalla Costituente c'era in campo l'ipotesi di mettere in correlazione la possibilita' di finanziamenti ai partiti diretti e indiretti con i presupposti di democraticita' dei partiti stessi''.

Dal canto suo il relatore in commissione Alessandro Maran (Sc) ha ricordato che il provvedimento ''mette lo stop ai finanziamenti pubblici dei partiti, introduce i finanziamenti diretti e indiretti privati, prevede l'attribuzione di finanziamenti solo ai partiti che rispettano e garantiscono regole democratiche e di trasparenza, cioe' ai partiti veri e non proprieta' di qualcuno''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4