sabato 21 gennaio | 03:44
pubblicato il 15/mag/2012 21:30

Partiti/ Relatori vs governo,guerra cifre su coperture rimborsi

Stop Ragioneria:Detrazioni a 26%.Ma Bressa-Calderisi puntano a 27

Partiti/ Relatori vs governo,guerra cifre su coperture rimborsi

Roma, 15 mag. (askanews) - La battaglia in Aula alla Camera sulla legge che dimezza il finanziamento pubblico ai partiti e istituisce una commissione ad hoc per controllare i loro bilanci è rinviata alla prossima settimana: causa voto sulla questione di fiducia posta oggi dal governo sul decreto commissioni bancarie, l'esame del testo Bressa-Calderisi inizierà martedì 22 maggio. Intanto a Montecitorio è guerra di cifre tra i relatori e il governo, che ha sostanzialmente bocciato la formulazione iniziale del provvedimento che innalzava dal 19 al 38% la detrazione fiscale per chi dona liberamente tra i 50 e i 10mila euro ai partiti e ha contestato anche la seconda formulazione che la fissava al 27%: per la Ragioneria generale dello Stato non si può andare oltre il 26%. "Venerdì - ha raccontato Calderisi (Pdl), uno dei due relatori - avevamo fatto un incontro con gli uffici della Camera e il governo durante il quale avevamo rivisto le stime e alla fine era venuto fuori che si poteva fissare la detrazione fiscale senza costi aggiuntivi per lo Stato al 27% (al 24% solo per il primo anno). Ora, in base ai dati della relazione tecnica della Ragioneria, abbiamo abbassato la detrazione al 26%, ma secondo noi c'è capienza perché sia al 27%". I relatori spiegano che secondo la Ragioneria il costo del passaggio della detrazione dal 19 al 26% per le Onlus è di 33,2 milioni, per i partiti di 6,1 milioni. Invece se la detrazione passasse dal 19 al 27%, stima sempre la Ragioneria secondo quanto riferito dai relatori, il costo per lo Stato sarebbe di 53 milioni in più. "Cioè un solo punto in più costa 20 milioni? Perché?", si chiede Bressa polemico. "Neanche a Disneyland", aggiunge spiegando di aver "chiesto al governo dei chiarimenti". Il chiarimento a oggi non c'è stato. Interpellato al riguardo il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, si è limitato a osservare: "I calcoli li ha fatti il ministero dell'Economia quindi tendo a pensare che siano corretti". Ma i relatori sperano ancora di poter strappare un 27% di detrazione. Con le nuove norme, di dimezzamento dei finanziamenti pubblici si può parlare solo quest'anno quando la riduzione sarà dai previsti 182 milioni ai 91 milioni del testo Bressa-Calderisi. Nel 2013, anno in cui per effetto delle varie manovre economiche il finanziamento sarebbe sceso a 160 milioni, il risparmio sarà di quasi 70 milioni. Negli anni successivi, quando la spesa per il finanziamento pubblico ai partiti era già previsto scendesse a 141 milioni circa, il risparmio sarà di 50 milioni circa. Un risparmio tale comunque, rileva Calderisi, da coprire la norma sulle detrazioni al 27% pensata dai relatori. Molto critici rispetto al testo restano Idv e Lega: "Calderisi e Bressa sono come il gatto e la volpe", attacca il deputato del Carroccio Pierguido Vanalli annunciando che il suo partito ha ripresentato per l'Aula i sei emendamenti bocciati in Commissione (tra gli altri quello per l'abolizione totale dei finanziamenti pubblici ai partiti). "Hanno deciso che la norma sui finanziamenti e controlli ai partiti venga di nuovo modificata dopo che in Commissione si era votato il mandato ai relatori sul testo definito. A questo punto, come nel classico gioco delle tre carte, compaiono e scompaiono i finanziamenti pubblici e le detrazioni fiscali, con il risultato sperato dalla maggioranza di confondere i cittadini e passare per salvatori della Patria, spacciando così il finto dimezzamento dei rimborsi elettorali come cosa fatta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4