mercoledì 18 gennaio | 09:54
pubblicato il 22/mag/2012 21:30

Partiti/ Aula Camera riduce rimborsi.Ma dimezzati solo nel 2012

Dal 2013 risparmio decrescente per Stato: a regime sarà di 11 Mln

Partiti/ Aula Camera riduce rimborsi.Ma dimezzati solo nel 2012

Roma, 22 mag. (askanews) - A un mese e mezzo dall'impegno preso dai presidenti delle Camere, Renato Schifani e Gianfranco Fini, per la riforma del finanziamento dei partiti, l'Aula di Montecitorio ha approvato l'articolo 1 del testo scritto da Gianclaudio Bressa (Pd) e Giuseppe Calderisi (Pdl) che lo riduce da 182 milioni circa a 91 milioni nel 2012. Il Pd esulta per il "dimezzamento" dei rimborsi che era la proposta originaria del segretario Pierluigi Bersani ma in realtà di dimezzamento si può parlare solo quest'anno. Dall'anno prossimo infatti il risparmio per le casse dello Stato sarà decrescente: da un lato perché la quota destinata ai partiti sarebbe già diminuita per effetto delle ultime manovre economiche, dall'altro perché in realtà la legge che l'Assemblea di Montecitorio sta esaminando prevede anche l'aumento della detrazione fiscale per chi effettua donazioni in favore di partiti, tra i 50 e i 10mila euro, e Onlus (dal 19% attuale al 24% nel 2013 e al 26% dal 2014): parte del risparmio che deriverà dal taglio del finanziamento pubblico infatti andrà a coprire l'aumento delle detrazioni previsto. I conti li ha fatti la Ragioneria dello Stato stimando che, a regime, nel 2016, i risparmi derivanti da questa legge per lo Stato saranno di 11 milioni di euro. Se è vero che nel 2012 i rimborsi passeranno da 182 milioni circa a 91 milioni circa, infatti, nel 2013 la riduzione sarà dai previsti 160 milioni circa ai 91 circa, con un risparmio di poco più di 69 milioni di euro; nel 2014 il risparmio sarà di 58.440.548 euro e nel 2015 e 2016 di 50.193.278. Una parte di questi risparmi però servirà a coprire l'aumento delle detrazioni previsto dalla legge. Dunque, la Ragioneria stima che "gli effetti finanziari complessivi", ovvero il risparmio effettivo per le casse dello Stato, sarà di 69 milioni nel 2013 (quando non 'peseranno' ancora le detrazioni), ma di poco più di 2 milioni nel 2014 (quando le detrazioni sono stimate in 56 milioni), di 5 milioni nel 2015 (detrazioni per 44 milioni) e 11 milioni a regime, dal 2016 (detrazioni per 39,3 milioni).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa