lunedì 20 febbraio | 15:00
pubblicato il 07/giu/2016 20:32

Partiti, al via esame legge per "trasparenza e democrazia"

Approvati primi 5 articoli, domani il via libera della Camera

Partiti, al via esame legge per "trasparenza e democrazia"

Roma, 7 giu. (askanews) - E' iniziato alla Camera l'esame della riforma dei partiti che mira a introdurre trasparenza e democrazia sia nell'organizzazione interna che nella pubblicità esterna. Scomparsa la minaccia di obbligarli a dotarsi di uno Statuto per potersi presentare alle elezioni i 5 stelle non stanno attuando ostruzionismo anzi, pur avendo presentato diversi emendamenti, si stanno astenenendo sulle votazioni degli articoli. In quasi tutte le votazioni infatti i sì sono sopra i 300 voti e i no poche decine, soprattutto da parte dei deputati di Sinistra italiana. Il ddl dovrebbe quindi essere approvato già domani.

Tra le principali novità approvate oggi nei primi 5 articoli del provvedimento ci sono l'obbligo di trasparenza e democrazia nell'organizzazione dei partiti, il diritto di tutti gli iscritti partecipare, senza discriminazioni, alla determinazione delle scelte politiche che impegnano il partito. In mancanza di Statuto o altro regolamento interno "l'organizzazione e il funzionamento dei partiti, movimenti e gruppi politici organizzati sono regolati dalle norme che disciplinano le associazioni non riconosciute".

Altra novità importante l'obbligo di affidare l'uso del simbolo e del nome al partito e non ad un singolo, questo comporta anche che "ogni modifica e ogni atto di disposizione o di concessione in uso della denominazione e del simbolo è di competenza dell'assemblea degli associati o iscritti".

Più trasparenza anche in vista delle elezioni con l'impegno a presentare presso il ministero dell'Interno una dichiarazione che indica: il legale rappresentante del partito o del gruppo politico organizzato, il soggetto che ha la titolarità del contrassegno depositato e la sede legale nel territorio dello Stato; gli organi del partito o del gruppo politico organizzato, la loro composizione nonché le relative attribuzioni; le modalità di selezione dei candidati per la presentazione delle liste". Obbligo di pubblicazione sul sito del ministero anche del programma elettorale, della lista dei candidati, del leader del partito e dello Statuto. Informazioni che vanno pubblicate anche sul sito del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia