sabato 10 dicembre | 10:18
pubblicato il 28/set/2011 21:41

Parma/ Vignali lascia la città ad un commissario dopo 4 anni

"Sempre lavorato onestamente". Gli 'indignados' esultano

Parma/ Vignali lascia la città ad un commissario dopo 4 anni

Parma, 28 set. (askanews) - Parma è la seconda città emiliana, dopo Bologna, che passa in mano ad un commissario prefettizio in meno di un anno. Dopo una lunga agonia cominciata lo scorso giugno quando la Procura ha dato mandato di arresto per 11 tra funzionari pubblici e imprenditori di aziende misto pubblico-privato nell'ambito di un'inchiesta per tangenti nel settore della gestione del verde dei parchi pubblici. Da quel momento è stato un crescendo: debiti da tutte le parti, creditori a bocca asciutta, la maggioranza che comincia a scricchiolare così come comincia a traballare la credibilità del primo cittadino. Pietro Vignali, successore di una delle migliori espressioni del 'civismo' italiano, Elvio Ubaldi, non indietreggia di un millimetro, sempre spalleggiato dai suoi assessori. Così, mentre escono le immagini della Guardia di finanza che riprendono suoi stretti collaboratori nell'atto di ricevere mazzette di denaro (e in alcuni casi altri generi, come un Ipod) lui continua a dimostrare serenità e capacità di governo. Ma intanto la città è sempre più indignata: il centrosinistra chiede le dimissioni settimana dopo settimana, le associazioni e i movimenti dei cittadini (gli 'indignados') avviano la fase delle contestazioni, Confindustria non lo sostiene più, la Chiesa lo critica... la botta finale arriva lunedì, dopo l'arresto dell'assessore alla Scuola, Giovanni Paolo Bernini, ex braccio destro di Pietro Lunardi. Non sono sufficienti gli incontri della maggioranza delle ultime ore, perché Pdl e 'Parma Civica' hanno ormai deciso di "staccare la spina". Quello che rimane della giunta fa quadrato fino alle ultime ore, giusto il tempo di accogliere il decreto del governo che libera 73 milioni di euro e incassare il merito di quest'ultima operazione che sarà indispensabile per ripianare un po' il bilancio del Comune. "Lascio da persona onesta che ha sempre lavorato per il bene della nostra città", ha scritto Vignali ai parmigiani in una lettera distribuita dai suoi addetti poco prima delle 21. Il Pd non dovrà nemmeno a sforzarsi di raccogliere le firme per chiedere le sue dimissioni, dovrà però avviare il percorso delle primarie anche se si dice già pronto a governare. Il centrodestra, dopo essersi leccato le ferite, dovrà trovare una strategia per il dopo commissariamento. Tanti i malumori dentro il Pdl, in particolare per la disattenzione da parte dei piani alti alla vicenda di Parma. La manifestazione indetta per domani dagli 'indignados' con ogni probabilità salterà e le pentole e i fischietti per una volta serviranno per festeggiare la 'liberazione', mentre il Consiglio comunale che avrebbe proprio domani dovuto approvare un assestamento di bilancio, dovrà esplicare le formalità dopo l'annuncio di Vignali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina