domenica 04 dicembre | 23:21
pubblicato il 13/giu/2016 19:42

Parisi: accordo con Procura per legalità, cominciamo da Milano

Riprendere un percorso ordinario, inutile aumentare controlli

Parisi: accordo con Procura per legalità, cominciamo da Milano

Milano askanews) - Se Beppe Sala ingaggia l'ex Pm Gherardo Colombo per dirigere un nuovo comitato per la trasparenza e la legalità, Stefano Parisi ribatte con il modello Albertini, fatto di una collaborazione costante e strutturata con la Procura di Milano. "Dobbiamo riprendere un percorso di legalità naturale - ha detto il candidato sindaco del centrodestra - perché non siamo di fronte a una patalogia. Servono strumenti ordinari, non super magistrati che ci controllano, ma un accordo istituzionale con la Procura". Il modello è quello dell'ex sindaco Albertini e del suo gruppo di lavoro "Alì Babà" che, insieme ai controlli interni e ai "Patti di integrità" con le aziende fornitrici del Comune, portò a gestire in nove anni investimenti pari a "tre volte" quelli dell'amministrazione Pisapia senza neanche un avviso di garanzia e estromettendo dalle gare 600 aziende.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari