sabato 21 gennaio | 14:31
pubblicato il 28/mag/2013 12:00

Papa/Santa Sede:In Europa molti cristiani perdono lavoro per fede

Mons.Toso a Osce: libertà religiosa non è bene inferiore

Papa/Santa Sede:In Europa molti cristiani perdono lavoro per fede

Città del Vaticano, 28 mag. (askanews) - "L'intolleranza nel nome della 'tolleranza' deve essere chiamata con il suo vero nome e condannata pubblicamente. Negare a un argomento morale, basato sulla religione, un posto nella pubblica piazza è un atto di intolleranza ed è antidemocratico. O, per dirlo in altre parole, laddove potrebbe esservi uno scontro di diritti, la libertà di religione non deve mai essere considerata come inferiore". Lo ha sottolineato, fra l'altro Mons. Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace della Santa Sede, nel suo intervento alla Conferenza a Tirana promossa dall'Osce su 'Tolleranza e non discriminazione'. "Sono molti gli ambiti in cui emerge in modo evidente l'intolleranza nei confronti dei cristiani, ma due di essi appaiono oggi particolarmente importanti. Il primo è l'intolleranza nei confronti del discorso cristiano. Il secondo è quello della coscienza cristiana, specialmente sul posto di lavoro. In tutta Europa si sono verificati numerosi casi di cristiani allontanati dal luogo di lavoro so lo perché hanno cercato di agire secondo la propria coscienza". "D'altro canto - ha evidenziato ancora Toso- la questione della libertà religiosa non può e non deve essere incorporata in quella della tolleranza. Di fatto, se fosse questo il valore umano e civile supremo, allora qualsiasi convinzione autenticamente veritiera che ne escluda un'altra equivarrebbe all'intolleranza. Inoltre, se una conv nzione valesse l'altra, si potrebbe finire con l'essere compiacenti anche verso le aberrazioni. Per quanto riguarda la prevenzione e la risposta all'intolleranza, alla discriminazione e ai crimini d'odio verso i cristiani, la mia Delegazi one - ha concluso il rappresentante del Vaticano ritiene che dovrebbero essere considerate in stretto collegamento con la promozione della libertà religiosa. Il diritto di credere in Dio e di praticare tale credo è un diritto umano fondamentale, centrale agli impegni dell'Osce".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4