venerdì 20 gennaio | 17:10
pubblicato il 05/mar/2013 12:00

Papa/Mahony:Su abusi anch'io ho sbagliato,Chiesa non capì subito

Cardinale Los Angeles: Ma poi fatto tutto per eliminare flagello

Papa/Mahony:Su abusi anch'io ho sbagliato,Chiesa non capì subito

Roma, 5 mar. (askanews) - "Molti di noi nella chiesa vedevamo questo flagello attraverso l'ottica della Chiesa come un peccato e una debolezza morale. Ed è tutte e due queste cose. Ma abbiamo confuso questa nostra convinzione morale con quanto era necessario per risolvere il problema". Lo afferma, in una intervista al 'Corriere della Sera', il cardinale Roger Mahony, ex arcivescovo di Los Angeles accusato di aver coperto abusi nella sua diocesi. Mahony ammette i propri sbagli ma rivendica anche che "svegliati dalla realtà, ho fatto di tutto per riparare a questi crimini" ed è stato "eliminato il flagello". "Non avevo capito la vera natura del problema - aggiunge - e che coloro che commettono abusi continuano a perpetrare i loro crimini. Queste cose non erano ben comprese allora come lo sono oggi". (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire