lunedì 16 gennaio | 14:24
pubblicato il 13/mar/2013 12:00

##Papa/L'altro Ratzinger del 2005,Bergoglio primo Papa SudAmerica

Era l'unico gesuita in Conclave. E si chiamerà Francesco I

##Papa/L'altro Ratzinger del 2005,Bergoglio primo Papa SudAmerica

Città del Vaticano, 13 mar. (askanews) - E' stato il contendente di Joseph Ratzinger al Conclave del 2005, ora ne prende il posto. Jorge Mario Bergoglio, Papa Francesco I, argentino di origini italiane, unico gesuita in Conclave è il primo Papa sudamericano. Allo scorso Conclave - lo ha ricostruito il vaticanista Lucio Brunelli - fu lì lì per essere eletto. Poi si affermò Joseph Ratzinger. Ora Bergoglio è entrato in Conclave da 'candidato emerito', ma, nel corso degli scrutini, è cresciuto. Ha 77 anni e i cardinali lo hanno dunque scelto pesnando ad un uomo di Chiesa navigato, stimato da conservatori e progressisti, personalmente limpido, capace di riformare la Curia romana. E' il primo Papa sudamericano della Chiesa. Nato a Buenos Aires il 17 dicembre del 1936, ha studiato e si è diplomato come tecnico chimico, ma poi ha scelto il sacerdozio ed è entrato nel seminario di Villa Devoto. L'11 marzo 1958 è passato al noviziato della Compagnia di Gesù, ha compiuto studi umanistici in Cile e nel 1963, di ritorno a Buenos Aires, ha conseguito la laurea in filosofia. E' stato professore di letteratura e di psicologia. E' stato ordinato sacerdote nel dicembre '69. Maestro di novizi a Villa Barillari, San Miguel, nel '73 è stato eletto Provinciale dell'Argentina, incarico che ha esercitato con ablità per sei anni, sebbene non tutti i gesuiti argentini hanno assecondato la sua 'Realpolitik' ai tempi del regime e contestò l'apertura di alcuni confratelli alla teologia della liberazione. Nell'anno santo del 2000 fece "indossare" all'intera Chiesa argentina le vesti della pubblica penitenza, per le colpe commesse negli anni della dittatura. Autore dei libri "Meditaciones para religiosos" del 1982, "Reflexiones sobre la vida apostolica" del 1986 e "Reflexiones de esperanza" del 1992. Giovanni Paolo II lo nominò vescovo titolare di Auca e ausiliare di Buenos Aires nel maggio del '92. Il 27 giugno dello stesso anno ricevette nella cattedrale di Buenos Aires l'ordinazione episcopale dalle mani del cardinale Antonio Quarracino, del nunzio apostolico monsignor Ubaldo Calabresi e del vescovo di Mercedes-Lujan, monsignor Emilio Ognenovich. Schivo, colto, Bergoglio è sempre stato restio ad accettare ruoli curiali. Molti nunzi apostolici, però, lo apprezzano, e non da oggi. Oppositore del lusso e degli sprechi (ha vissuto in un modesto appartamentino e per spostarsi usa i mezzi pubblici) quando fu ordinato cardinale nel 2001, obbligò i suoi compatrioti che avevano organizzato raccolte fondi per presenziare alla cerimonia di Roma, a restare in Argentina e a donare i soldi ai poveri. E' sempre stato ritenuto un conservatore ma non gli mancano aperture dialoganti all'ala più progressista. E' pronto a prendere il testimone di Benedetto XVI e completare quella riforma della Curia che Joseph Ratzinger non si è sentito di completare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%