sabato 21 gennaio | 14:51
pubblicato il 27/mar/2013 12:00

Papa: Tradimento Giuda è come il pettegolezzo contro gli altri

"C'è gioia oscura nella chiacchiera,si arriva a spellare l'altro"

Papa: Tradimento Giuda è come il pettegolezzo contro gli altri

Città del Vaticano, 27 mar. (askanews) - Il tradimento di Giuda paragonato al pettegolezzo, al parlare male degli altri. E' la riflessione fatta da Papa Francesco nella breve omelia tenuta questa mattina nella Casa Santa Marta in Vaticano, a commento del Vangelo del mercoledì santo. Poi, a sorpresa, il Papa si è recato nella Basilica di San Pietro a salutare i dipendenti vaticani riuniti per la messa presieduta dal cardinale Angelo Comastri alla vigilia del Triduo pasquale. "Gesù è come una mercanzia: è venduto" da Giuda, ha detto il Papa a quanto riportato da 'Radio vaticana'. Capita "tante volte anche nel mercato della Storia ... nel mercato della nostra vita - ha proseguito - quando noi scegliamo i 30 denari e lasciamo Gesù da parte, guardiamo il Signore che è venduto. E a volte noi - afferma il Papa - con i nostri fratelli, con i nostri amici, tra noi, facciamo quasi lo stesso". Accade "quando chiacchieriamo l'uno dell'altro". Questo è vendere, e "la persona di cui chiacchieriamo è una mercanzia, diventa una mercanzia. E con quanta facilità - esclama - noi facciamo questo! E' la stessa cosa che ha fatto Giuda". Il Papa quindi ha aggiunto: "Non so perché, ma c'è una gioia oscura nella chiacchiera". A volte cominciamo da parole buone, ma poi all'improvviso arriva la chiacchiera e comincia quello che il Papa definisce "spellare l'altro". Ma "ogni volta che chiacchieriamo, ogni volta che 'spelliamo' l'altro - ha detto il Pontefice - facciamo la stessa cosa che ha fatto Giuda". Questo, dunque, l'invito: "mai parlare male di altre persone". Giuda, quando ha tradito Gesù "aveva il cuore chiuso, non aveva comprensione, non aveva amore, non aveva amicizia". Così, anche noi quando spettegoliamo non abbiamo amore, non abbiamo amicizia, tutto diventa mercato: "vendiamo i nostri amici, i nostri parenti". Allora - esorta il Papa - "chiediamo perdono perché lo facciamo all'amico, ma lo facciamo a Gesù, perché Gesù è in questo amico, in questa amica. E chiediamo la grazia di non 'spellare' nessuno, di non chiacchierare di nessuno". E se ci accorgiamo che qualcuno ha dei difetti - conclude il Papa - non facciamoci giustizia con la nostra lingua, ma preghiamo il Signore per lui, dicendo "Signore, aiutalo!". Il Papa si è poi recato nella basilica di San Pietro dove ha salutato i dipendenti vaticani riuniti per la Messa presieduta dal cardinale Comastri, ringraziandoli per il lavoro svolto per la Santa Sede. "Voglio ringraziarvi per questo - ha detto - e chiedervi di pregare per me: ne ho bisogno perché io sono anche un peccatore, come tutti. E voglio essere fedele al Signore. Pregate per me. Vi auguro Buona Pasqua. Che il Signore vi benedica e la Madonna vi custodisca, come Mamma buona. Grazie tante!".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4