venerdì 24 febbraio | 02:17
pubblicato il 27/mar/2013 12:00

Papa: Tradimento Giuda è come il pettegolezzo contro gli altri

"C'è gioia oscura nella chiacchiera,si arriva a spellare l'altro"

Papa: Tradimento Giuda è come il pettegolezzo contro gli altri

Città del Vaticano, 27 mar. (askanews) - Il tradimento di Giuda paragonato al pettegolezzo, al parlare male degli altri. E' la riflessione fatta da Papa Francesco nella breve omelia tenuta questa mattina nella Casa Santa Marta in Vaticano, a commento del Vangelo del mercoledì santo. Poi, a sorpresa, il Papa si è recato nella Basilica di San Pietro a salutare i dipendenti vaticani riuniti per la messa presieduta dal cardinale Angelo Comastri alla vigilia del Triduo pasquale. "Gesù è come una mercanzia: è venduto" da Giuda, ha detto il Papa a quanto riportato da 'Radio vaticana'. Capita "tante volte anche nel mercato della Storia ... nel mercato della nostra vita - ha proseguito - quando noi scegliamo i 30 denari e lasciamo Gesù da parte, guardiamo il Signore che è venduto. E a volte noi - afferma il Papa - con i nostri fratelli, con i nostri amici, tra noi, facciamo quasi lo stesso". Accade "quando chiacchieriamo l'uno dell'altro". Questo è vendere, e "la persona di cui chiacchieriamo è una mercanzia, diventa una mercanzia. E con quanta facilità - esclama - noi facciamo questo! E' la stessa cosa che ha fatto Giuda". Il Papa quindi ha aggiunto: "Non so perché, ma c'è una gioia oscura nella chiacchiera". A volte cominciamo da parole buone, ma poi all'improvviso arriva la chiacchiera e comincia quello che il Papa definisce "spellare l'altro". Ma "ogni volta che chiacchieriamo, ogni volta che 'spelliamo' l'altro - ha detto il Pontefice - facciamo la stessa cosa che ha fatto Giuda". Questo, dunque, l'invito: "mai parlare male di altre persone". Giuda, quando ha tradito Gesù "aveva il cuore chiuso, non aveva comprensione, non aveva amore, non aveva amicizia". Così, anche noi quando spettegoliamo non abbiamo amore, non abbiamo amicizia, tutto diventa mercato: "vendiamo i nostri amici, i nostri parenti". Allora - esorta il Papa - "chiediamo perdono perché lo facciamo all'amico, ma lo facciamo a Gesù, perché Gesù è in questo amico, in questa amica. E chiediamo la grazia di non 'spellare' nessuno, di non chiacchierare di nessuno". E se ci accorgiamo che qualcuno ha dei difetti - conclude il Papa - non facciamoci giustizia con la nostra lingua, ma preghiamo il Signore per lui, dicendo "Signore, aiutalo!". Il Papa si è poi recato nella basilica di San Pietro dove ha salutato i dipendenti vaticani riuniti per la Messa presieduta dal cardinale Comastri, ringraziandoli per il lavoro svolto per la Santa Sede. "Voglio ringraziarvi per questo - ha detto - e chiedervi di pregare per me: ne ho bisogno perché io sono anche un peccatore, come tutti. E voglio essere fedele al Signore. Pregate per me. Vi auguro Buona Pasqua. Che il Signore vi benedica e la Madonna vi custodisca, come Mamma buona. Grazie tante!".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech