martedì 28 febbraio | 02:20
pubblicato il 23/ott/2013 12:00

Papa: telefono a carcerato e mi domando: perché lui e non io?

"Perché lui è caduto e non io? abbiamo le stesse debolezze"

Papa: telefono a carcerato e mi domando: perché lui e non io?

Città del Vaticano, 23 ott. (askanews) - Il Papa ha raccontato che telefona ad alcuni carcerati a Buenos Aires, nel corso dell'udienza riservata ai cappellani delle carceri italiane, e si è domandato: "Perché lui è lì e non io?". "Ogni volta che chiamo i carcerati di Buenos Aires, ogni tanto la domenica per una chiacchiera, mi domando: perché lui e non io?", ha detto il Papa parlando a braccio. "Io che ho più meriti di lui per stare lì... E questo fa bene. Domandarmi: Perché lui è caduto e non io? Le debolezze che abbiamo sono le stesse... E' un mistero che ci avvicina a loro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech