mercoledì 07 dicembre | 14:32
pubblicato il 23/ott/2013 12:00

Papa: telefono a carcerato e mi domando: perché lui e non io?

"Perché lui è caduto e non io? abbiamo le stesse debolezze"

Papa: telefono a carcerato e mi domando: perché lui e non io?

Città del Vaticano, 23 ott. (askanews) - Il Papa ha raccontato che telefona ad alcuni carcerati a Buenos Aires, nel corso dell'udienza riservata ai cappellani delle carceri italiane, e si è domandato: "Perché lui è lì e non io?". "Ogni volta che chiamo i carcerati di Buenos Aires, ogni tanto la domenica per una chiacchiera, mi domando: perché lui e non io?", ha detto il Papa parlando a braccio. "Io che ho più meriti di lui per stare lì... E questo fa bene. Domandarmi: Perché lui è caduto e non io? Le debolezze che abbiamo sono le stesse... E' un mistero che ci avvicina a loro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni