lunedì 23 gennaio | 02:01
pubblicato il 06/mar/2013 12:00

Papa/ Spirito squadra e comunicazione, cardinali Usa all'attacco

Briefing quotidiani, primo un'ora dopo Sede vacante. Domani Dolan

Papa/ Spirito squadra e comunicazione, cardinali Usa all'attacco

Città del Vaticano, 6 mar. (askanews) - Qualcuno sostiene di averlo sentito incitare i confratelli cardinali che scendevano dal pulmino grigio - targato Vaticano - che ogni giorno fa su e giù dal Gianicolo, tra il North American College e il Vaticano, con una frase yankee degna di un film sul football: "Come on, guuuuys!". Di certo il cardinale Timothy Dolan, esuberante arcivescovo di New York e presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, è il capitano di una squadra di undici porporati che entreranno in Conclave (il secondo gruppo dopo l'Italia) consapevoli di pesare, e non poco, sulla scelta del successore di Benedetto XVI. E i porporati 'stelle e strisce' già si fanno sentire, a partire da una macchina della comunicazione perfettamente oliata. Lo staff degli addetti stampa della conferenza episcopale si sono trasferiti in blocco da Washington al Gianicolo, capitanati dall'efficientissima sister Mary Ann Walsh. Ogni giorno un briefing, il primo (O'Malley, DiNardo e George) a poco più di un'ora dalla partenza di Benedetto XVI in elicottero dal Vaticano, semideserto e con cronisti per lo più americani, poi uno ieri (George e Wuerl), primo giorno di congregazioni generali, uno oggi (O'Malley e DiNardo), uno oggi (George e lo stesso Dolan), sempre più affollati di giornalisti di tutto il mondo. Il controverso arcivescovo emerito di Los Angeles Roger Mahony, che ieri ha rilasciato un'intervista al 'Corriere della sera', non appare, sebbene gli altri cardinali Usa abbiano difeso a spada tratta il suo viaggio a Roma. Precisano che non hanno la minima intenzione di venir meno al giuramento fatto nell'aula del Sinodo sulla riservatezza delle discussioni tra cardinali. Ma parlano apertamente di pedofilia, Vatileaks, problemi di governance. I giornalisti li interrogano, domandano perché questi briefing quotidiani. "Meglio parlare con la stampa che non parlarci", risponde George, predecessore di Dolan a capo di un episcopato che è già passato dalla tempesta mediatica degli abusi sessuali sui minori. DiNardo la spiega in modo semplice: "Forse è più normale negli Stati Uniti che negli altri paesi, e poi è il modo per dire alle persone che seguono questi eventi, senza violare il giuramento, cosa facciamo ogni giorno e come procediamo". Diretto, semplice, statunitense.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4