martedì 24 gennaio | 07:00
pubblicato il 06/lug/2011 14:42

Papa si difende:Perseguitato per vecchi rancori. Pdl:Sarà assolto

"Procura Napoli non competente". Giunta si aggiorna a stasera

Papa si difende:Perseguitato per vecchi rancori. Pdl:Sarà assolto

Roma, 6 lug. (askanews) - "Una vera e propria caccia all'uomo" mossa da "un chiaro intento persecutorio" dettato da "odi, rancori e gelosie presenti nell'ambiente del Distretto di Napoli" dove i pm che hanno chiesto l'arresto di Alfonso Papa nell'ambito dell'inchiesta sulla P4 hanno condotto indagini "al di fuori di tutti i principi fissati dalla legge e dalle regole deontologiche" e hanno "violato palesemente le prerogative parlamentari". Poggia soprattutto sulle accuse contro gli ex colleghi napoletani l'autodifesa che il deputato del Pdl, magistrato in aspettativa, questa mattina ha svolto in Giunta per le Autorizzazioni di Montecitorio nell'ambito dell'esame della richiesta di custodia cautelare in carcere arrivata dal Tribunale di Napoli. Papa ha fatto nomi e cognomi di coloro che, a suo parere, hanno costruito il procedimento penale che lo vede coinvolto come "un abito da accollare" su di lui "con una indagine che ha visto miriadi di intercettazioni illecite" e con l'ascolto "infruttuoso di oltre centotrenta testi fino ad arrivare a soggetti compiacenti": si tratta di Woodcock e Curcio che hanno sentito cinque magistrati (Luigi De Magistris, Vincenzo Galgano, Paolo Mancuso, Arcibaldo Miller, Umberto Marconi) legati al Distretto di Napoli, tutti e cinque, secondo Papa, suoi 'nemici' dai tempi del dissidio che si aprì nel 1999 tra alcuni sostituti procuratori e il procuratore Cordova per cui il deputato del Pdl, allora magistrato in carica, aveva parteggiato. Peraltro, secondo Papa, i fatti contestati sono tutti accaduti a Roma e quindi la Procura di Napoli sarebbe "incompetente". L'audizione proseguirà stasera - la Giunta è convocata un quarto d'ora dopo il termine dei lavori dell'Aula - ma al voto si andrà con ogni probabilità la prossima settimana, quella decisiva, visto che il parere da sottoporre all'Assemblea deve arrivare entro il 15 luglio. Il Pdl in Giunta fa quadrato intorno a Papa: secondo il capogruppo Maurizio Paniz "sarà assolto" mentre Enrico Costa osserva che "al di là di chi ha torto o ragione la Porcura di Napoli non ci fa una bella figura". La difesa del deputato del Pdl riporta alla prudenza anche la Lega che per bocca del suo leader Umberto Bossi nei giorni scorsi aveva dato come probabile il sì del Carroccio all'arresto: "L'audizione si è rivelata interessante. Papa ha disegnato uno scenario che suscita diverse perplessità, uno scenario che lascia intravedere che ci sono attorno alla Procura di Napoli movimenti di forze e atteggiamenti non chiari", è il commento di Paolini. Protesta l'opposizione: "Papa ha parlato di una congiura nei suoi confronti da una parte della magistratura napoletana - ha osservato la capogruppo del Pd in Giunta, Marilena Samperi - ma non ha fatto alcun accenno al merito dell'ordinanza del gip. Non ha parlato dei fatti che gli vengono contestati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4