giovedì 08 dicembre | 19:39
pubblicato il 17/ott/2013 12:00

Papa: se cristiano diventa discepolo d'ideologia ha perso fede

E' "malattia grave", "una cosa è pregare altra è dire preghiere"

Papa: se cristiano diventa discepolo d'ideologia ha perso fede

Città del Vaticano, 17 ott. (askanews) - Se un cristiano "diventa discepolo dell'ideologia, ha perso la fede". E' quanto sottolineato, stamani, da Papa Francesco nella messa alla casa Santa Marta. Jorge Mario Bergoglio ha bollato - sullo sfondo delle polemiche degli ultimi giorni da parte dei lefebvriani e di altri settori ecclesiastici reazionari - quella dei cristiani ideologici come "una malattia grave" ed ha ribadito che quando non si prega ("Una cosa è pregare e un'altra cosa è dire preghiere") si abbandona la fede e si cade nell'ideologia e nel moralismo. "Guai a voi, dottori della legge, che avete portato via la chiave della conoscenza!". Papa Francesco - a quanto riporta la Radio vaticana - ha svolto la sua omelia, muovendo dall'avvertimento di Gesù, di cui parla il Vangelo odierno. Il Papa ha attualizzato questo monito. "Quando andiamo per strada e ci troviamo davanti una chiesa chiusa - ha affermato - sentiamo qualcosa di strano", perché "una chiesa chiusa non si capisce". A volte, ha sottolineato, "ci dicono spiegazioni" che non sono tali: "Sono pretesti, sono giustificazioni, ma la realtà è che la chiesa è chiusa e la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire". Oggi, ha detto il Papa, Gesù ci parla di questa "immagine della chiusura", è "l'immagine di quei cristiani che hanno in mano la chiave, ma la portano via, non aprono la porta". Anzi peggio, "si fermano sulla porta" e "non lasciano entrare", e così facendo "neppure loro entrano". La "mancanza di testimonianza cristiana - ha osservato - fa questo" e "quando quel cristiano è un prete, un vescovo o un Papa è peggio". Ma, si chiede Papa Francesco, come succede che un "cristiano cade in questo atteggiamento di chiave in tasca e porta chiusa?": "La fede passa, per così dire, per un alambicco e diventa ideologia. E l'ideologia non convoca. Nelle ideologie non c'è Gesù: la sua tenerezza, amore, mitezza. E le ideologie sono rigide, sempre. Di ogni segno: rigide. E quando un cristiano diventa discepolo dell'ideologia, ha perso la fede: non è più discepolo di Gesù, è discepolo di questo atteggiamento di pensiero, di questo... E per questo Gesù dice loro: 'Voi avete portato via la chiave della conoscenza'. La conoscenza di Gesù è trasformata in una conoscenza ideologica e anche moralistica, perché questi chiudevano la porta con tante prescrizioni". Gesù, ha proseguito il Papa, ce l'ha detto: "Voi caricate sulle spalle della gente tante cose; solo una è necessaria". Questo è, dunque, il processo "spirituale, mentale" di chi vuole la chiave in tasca e la porta chiusa: "La fede diventa ideologia e l'ideologia spaventa, l'ideologia caccia via la gente, allontana, allontana la gente e allontana la Chiesa dalla gente. Ma è una malattia grave, questa dei cristiani ideologici. E' una malattia, ma non è nuova, eh? Già l'Apostolo Giovanni, nella sua prima Lettera, parlava di questo. I cristiani che perdono la fede e preferiscono le ideologie. Il suo atteggiamento è: diventare rigidi, moralisti, eticisti, ma senza bontà. La domanda può essere questa, no? Ma perché un cristiano può diventare così? Cosa succede nel cuore di quel cristiano, di quel prete, di quel vescovo, di quel Papa, che diventa così? Semplicemente una cosa: quel cristiano non prega. E se non c'è la preghiera, tu sempre chiudi la porta". "La chiave che apre la porta alla fede - ha aggiunto il Papa - è la preghiera". E ha avvertito: "Quando un cristiano non prega, succede questo. E la sua testimonianza è una testimonianza superba". Chi non prega è "un superbo, è un orgoglioso, è un sicuro di se stesso. Non è umile. Cerca la propria promozione". Invece, ha affermato, "quando un cristiano prega, non si allontana dalla fede, parla con Gesù". E, ha precisato, "dico pregare, non dico dire preghiere, perché questi dottori della legge dicevano tante preghiere" per farsi vedere. Gesù, invece, dice: "Quando tu preghi, va nella tua stanza e prega il Padre di nascosto, da cuore a cuore". "Una cosa - ha detto ancora il Papa - è pregare e un'altra cosa è dire preghiere": "Questi non pregano, abbandonano la fede e la trasformano in ideologia moralistica, casuistica, senza Gesù. E quando un profeta o un buon cristiano li rimprovera, fanno lo stesso che hanno fatto con Gesù: 'Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile - questi ideologici sono ostili - e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie - sono insidiosi - per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca'. Non sono trasparenti. Eh, poverini, sono gente sporcata dalla superbia. Chiediamo al Signore la grazia, primo: non smettere di pregare, per non perdere la fede, rimanere umili. E così non diventeremo chiusi, che chiudono la strada al Signore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni