lunedì 05 dicembre | 12:00
pubblicato il 11/feb/2013 14:37

Papa: prima di Benedetto XVI il 'gran rifiuto' di Celestino V

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 feb - Le dimissioni di Benedetto XVI non hanno precedenti nella storia recente della Chiesa. Per trovare un altro papa dimissionario si deve risalire a Celestino V detto Pietro del Morrone (Molise, fra il 1209 ed il 1215 - Fumone, 19 maggio 1296). Fu il 192* papa della Chiesa cattolica dal 29 agosto al 13 dicembre 1294.

Pietro da Morrone, sacerdote, condusse vita eremitica.

Diede vita all'Ordine dei ''Fratelli dello Spirito Santo'' (denominati poi ''Celestini ''), approvato da Urbano IV, e fondo' vari eremi. Eletto papa quasi ottantenne, dopo due anni di conclave, prese il nome di Celestino V e, uomo santo e pio, si trovo' di fronte ad interessi politici ed economici e a ingerenze anche di Carlo d'Angio'. Accortosi delle manovre legate alla sua persona, rinunzio' alla carica, morendo poco dopo in isolamento nel castello di Fumone.

Celestino V e' oggi famoso per il giudizio di Dante che lo defini' come ''colui che per viltade fece il gran rifiuto''.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari