martedì 21 febbraio | 00:15
pubblicato il 23/ott/2012 17:01

Papa/ Per il maggiordomo spunta ipotesi del carcere in Vaticano

Pubblicate motivazioni condanna. Secondo processo Vatileaks 5/11

Papa/ Per il maggiordomo spunta ipotesi del carcere in Vaticano

Città del Vaticano, 23 ott. (askanews) - Sinora era stata esclusa. La carcerazione per Paolo Gabriele, il maggiordomo del Papa condannato a diciotto mesi lo scorso 6 ottobre per furto di documenti riservati della Santa Sede, sembrava un'eventualità remota. Molti, in Vaticano, davano per certo, nei 'pourparlers', che prima di allora il Papa lo avrebbe graziato. Ma, soprattutto, la pena - spiegava ad esempio il giudice vaticano Giovanni Giacobbe - doveva essere scontata in un penitenziario italiano perché "in Vaticano non c'è una struttura carceraria". Con la pubblicazione odierna delle motivazioni della sentenza, però, lo scenario cambia, e per l'ex assistente di camera del Pontefice si prospetta un periodo di detenzione e solo successivamente la grazia sovranamente concessa da Benedetto XVI. La grazia è "possibile" ma "nessuno sa, né io ho da dire, quando, come, se e perché", ha spiegato oggi il portavoce vaticano, il gesuita Federico Lombardi, in un briefing convocato in occasione della pubblicazione delle motivazioni. " una possibilità, aspettiamo e vediamo". La decisione, ad ogni modo, non scatterà prima dell'esaurimento del tempo a disposizione per la pubblica accusa, tra pochi giorni, di presentare appello. Conseguentemente, "se adesso avviene una carcerazione è da prevedere che avvenga in Vaticano" e non in Italia. "Attualmente non c'è alcuna iniziativa per chiedere (che la detenzione avvenga) in Italia e anche se il trattato del Laterano lo prevede come possibilità, non c'è una convenzione per attuare tale possibilità". Paolo Gabriele sarebbe detenuto presso una cella attrezzata nella caserma della gendarmeria vaticana. Nello stesso luogo, cioè, dove ha trascorso oltre cinquanta giorni in un periodo di detenzione preventiva, tra maggio e luglio, durante il quale - lo ha denunciato la sua legale nel dibattimento - ha anche subito trattamenti inumani. Una vicenda sulla quale, peraltro, la gendarmeria del comandante Domenico Giani ha respinto le accuse e il pm vaticano ha aperto un fascicolo. Oggi, intanto, è stato annunciato che il prossimo 5 novembre ci sarà la prima udienza del secondo processo nel caso 'Vatileaks', quello a carico di Claudio Sciarpelletti, tecnico informatico della segreteria di Stato, accusato di favoreggiamento. La sua posizione era stata stralciata dal primo processo, quello a carico del maggiordomo. Tra i testimoni che verranno chiamati a deporre, un monsignore della segreteria di Stato, Carlo Maria Polvani, nipote di quel monsignor Carlo Maria Viganò che, spedito dal governatorato vaticano alla nunziatura negli Usa, dette la stura, con le sue denunce, al caso della fuga di documenti riservati. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia