venerdì 24 febbraio | 12:18
pubblicato il 19/mag/2014 12:00

Papa: non cedere a catastrofismo, discutere modello di sviluppo

"Sfrutta il creato, sacrifica le persone su altare del profitto"

Papa: non cedere a catastrofismo, discutere modello di sviluppo

Città del Vaticano, 19 mag. (askanews) - Di fronte alla difficile situazione del lavoro in Italia, con "disoccupati, cassintegrati e precari", "come Chiesa aiutiamo a non cedere al catastrofismo e alla rassegnazione, sostenendo con ogni forma di solidarietà creativa la fatica di quanti con il lavoro si sentono privati persino della dignità". Lo ha detto Papa Francesco rivolgendosi ai vescovi italiani. Più in generale, la "difficile situazione" attuale deve trovare i vescovi "attenti, partecipi e pronti a discutere il modello sviluppo che sfrutta il creato, sacrifica le persone sull'altare del profitto", ha detto Bergoglio, affermando che c'è "bisogno di un nuovo umanesimo" per una "società priva di speranze, scossa, impoverita da una crisi che, prima che economica, è culturale, morale e spirituale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech