martedì 17 gennaio | 06:54
pubblicato il 14/apr/2012 20:00

Papa/ Lunedì compie 85 anni tra due opposti fantasmi di scisma

Con lefebvriani conclusione vicina, 'fronda' preti in Austria

Papa/ Lunedì compie 85 anni tra due opposti fantasmi di scisma

Città del Vaticano, 14 apr. (askanews) - Per una curiosa coincidenza del calendario, nel giorno dell'85esimo compleanno del Papa, lunedì prossimo, scade l'ultimo mese di tempo concesso dalla Santa Sede ai lefebvriani per fornire una adesione adeguata alle precondizioni poste per il loro rientro nella Chiesa cattolica (il cosiddetto 'preambolo dottrinale') e la conclusione di uno scisma iniziato negli anni Ottanta. Ma non si tratta dell'unico scisma paventato in questi giorni a Benedetto XVI. Su posizioni diametralmente opposte a quelle dei tradizionalisti, in Austria, Irlanda, Belgio, Germania proseguono da mesi le richieste di gruppi di sacerdoti che, dopo lo scandalo della pedofilia del clero scoppiato nel 2010, chiedono a Roma riforme su questioni come l'obbligo di celibato, l'ordinazione delle donne e la comunione ai divorziati risposati. L'affaire lefebvriano, in realtà, non dovrebbe concludersi esattamente lunedì, ma qualche giorno più tardi. La fraternità sacerdotale San Pio X, infatti, non ha ancora inviato la propria risposta a Roma, sebbene sia in procinto di farlo. Il portavoce dei lefebvriani, l'abate Alain Lorans, ha puntualizzato che le "chiarificazioni" che invieranno "non modificano sostanzialmente la prima risposta" già bocciata come insufficiente dagli uomini del Papa. Da parte sua il responsabile vaticano del negoziato, mons. Guido Pozzo, presidente della pontificia commissione Ecclesia dei ha detto di attendersi che la risposta giungerà "all'inizio della prossima settimana" e la Santa Sede deciderà, poi, se riammettere o meno nella Chiesa cattolica questo gruppo scismatico da sempre critico con il Concilio vaticano II. Benedetto XVI, che già aveva tentato di superare questo scisma quando era cardinale, ha dedicato molte energie del suo Pontificato a superare questa frattura. Appena eletto al soglio di Pietro, nell'estate del 2005, ha ricevuto il superiore, mons. Bernard Fellay, nel 2007 ha liberalizzato il messale pre-conciliare (la cosiddetta messa in latino) cara ai tradizionalisti, e nel 2009 ha revocato la scomunica in cui nel 1988 erano incorsi i quattro vescovi lefebvriani (con tanto di polemiche per le dichiarazioni negazioniste della Shoah di uno dei quattro, il britannico Richard Williamson). Per il pieno reintegro nella Chiesa cattolica, era necessario un accordo dottrinale tra Vaticano e Lefebvriani. A questo fine si sono svolti per due anni, dal 2009 al 2011, degli incontri bilaterali ospitati dal Vaticano. Conclusi, il 16 marzo, con l'ultimatum di "un mese" per correggere una prima risposta giudicata dalla Santa Sede insufficiente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello