mercoledì 07 dicembre | 11:47
pubblicato il 14/apr/2012 20:00

Papa/ Lunedì compie 85 anni tra due opposti fantasmi di scisma

Con lefebvriani conclusione vicina, 'fronda' preti in Austria

Papa/ Lunedì compie 85 anni tra due opposti fantasmi di scisma

Città del Vaticano, 14 apr. (askanews) - Per una curiosa coincidenza del calendario, nel giorno dell'85esimo compleanno del Papa, lunedì prossimo, scade l'ultimo mese di tempo concesso dalla Santa Sede ai lefebvriani per fornire una adesione adeguata alle precondizioni poste per il loro rientro nella Chiesa cattolica (il cosiddetto 'preambolo dottrinale') e la conclusione di uno scisma iniziato negli anni Ottanta. Ma non si tratta dell'unico scisma paventato in questi giorni a Benedetto XVI. Su posizioni diametralmente opposte a quelle dei tradizionalisti, in Austria, Irlanda, Belgio, Germania proseguono da mesi le richieste di gruppi di sacerdoti che, dopo lo scandalo della pedofilia del clero scoppiato nel 2010, chiedono a Roma riforme su questioni come l'obbligo di celibato, l'ordinazione delle donne e la comunione ai divorziati risposati. L'affaire lefebvriano, in realtà, non dovrebbe concludersi esattamente lunedì, ma qualche giorno più tardi. La fraternità sacerdotale San Pio X, infatti, non ha ancora inviato la propria risposta a Roma, sebbene sia in procinto di farlo. Il portavoce dei lefebvriani, l'abate Alain Lorans, ha puntualizzato che le "chiarificazioni" che invieranno "non modificano sostanzialmente la prima risposta" già bocciata come insufficiente dagli uomini del Papa. Da parte sua il responsabile vaticano del negoziato, mons. Guido Pozzo, presidente della pontificia commissione Ecclesia dei ha detto di attendersi che la risposta giungerà "all'inizio della prossima settimana" e la Santa Sede deciderà, poi, se riammettere o meno nella Chiesa cattolica questo gruppo scismatico da sempre critico con il Concilio vaticano II. Benedetto XVI, che già aveva tentato di superare questo scisma quando era cardinale, ha dedicato molte energie del suo Pontificato a superare questa frattura. Appena eletto al soglio di Pietro, nell'estate del 2005, ha ricevuto il superiore, mons. Bernard Fellay, nel 2007 ha liberalizzato il messale pre-conciliare (la cosiddetta messa in latino) cara ai tradizionalisti, e nel 2009 ha revocato la scomunica in cui nel 1988 erano incorsi i quattro vescovi lefebvriani (con tanto di polemiche per le dichiarazioni negazioniste della Shoah di uno dei quattro, il britannico Richard Williamson). Per il pieno reintegro nella Chiesa cattolica, era necessario un accordo dottrinale tra Vaticano e Lefebvriani. A questo fine si sono svolti per due anni, dal 2009 al 2011, degli incontri bilaterali ospitati dal Vaticano. Conclusi, il 16 marzo, con l'ultimatum di "un mese" per correggere una prima risposta giudicata dalla Santa Sede insufficiente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni