mercoledì 25 gennaio | 00:23
pubblicato il 21/feb/2013 12:00

Papa/ Lascia al suo successore questione dei lefebvriani

L'incontro con Fellay nel 2005, revoca della scomunica nel 2009

Papa/ Lascia al suo successore questione dei lefebvriani

Città del Vaticano, 21 feb. (askanews) - "In queste circostanze straordinarie, le disposizioni relative ai rapporti con la Fraternità sacerdotale San Pio X vengono affidate dal Santo Padre al prossimo Papa". Così il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, in merito all'annosa trattativa della Santa Sede per fare rientrare i lefebvriani nella Chiesa cattolica dopo lo 'scisma' degli anni Ottanta. "Non è da aspettare in questi giorni una definizione dei rapporti con i Lefebvriani". Nei giorni scorsi era emerso, dalla Francia, che una lettera datata 8 gennaio aveva raggiunto il superiore della fraternità sacerdotale San Pio X, il vescovo Bernard Fellay. Il documento era firmato dall'arcivescovo Gerhard Ludwig Mueller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e presidente della commissione Ecclesia Dei. L'esistenza della lettera è stata confermata dall'abbé Claude Barthe, in un'intervista apparsa su 'Present': "Tutti sanno ormai che la Commissione Ecclesia Dei ha inviato una lettera al vescovo Fellay l'otto gennaio e che si aspetta una risposta da lui il 22 febbraio, il giorno della festa della Cattedra di San Pietro. In questo giorno, 22 febbraio, potrebbe essere datata la costituzione della prelatura San Pio X. Questo rappresenterebbe la vera conclusione del pontificato di Benedetto XVI: la riabilitazione di monsignor Lefebvre. Potete immaginare che rombo di tuono e anche, indirettamente, quale peso nell'orientamento degli eventi di marzo", cioè del conclave. L'ufficio stampa dei lefebvriani a Parigi non aveva commentato la notizia. Nessuna nota ufficiale, solo un commento a mezza bocca: "L'abate Barthe parla a titolo personale". Quello dei lefebvriani è stato un capitolo centrale del pontificato di Ratzinger, che dello 'scisma' ultratradizionalista si era già occupato da cardinale. Appena eletto Papa, nel 2005, ricevette il successore di Lefebvre a Castel Gandolfo. Poi - gesto gradito ai Lefebvriani - la liberalizzazione del messale pre conciliare (2007), la revoca della scomunica a mons Fellay e agli altri tre vescovi lefebvriani (2009) e, infine, due anni di negoziati dottrinali con la Santa Sede, che però non hanno ancora portato ad un rientro della fraternità sacerdotale nella Chiesa cattolica.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4