sabato 10 dicembre | 00:20
pubblicato il 21/feb/2013 12:00

Papa/ Lascia al suo successore questione dei lefebvriani

L'incontro con Fellay nel 2005, revoca della scomunica nel 2009

Papa/ Lascia al suo successore questione dei lefebvriani

Città del Vaticano, 21 feb. (askanews) - "In queste circostanze straordinarie, le disposizioni relative ai rapporti con la Fraternità sacerdotale San Pio X vengono affidate dal Santo Padre al prossimo Papa". Così il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, in merito all'annosa trattativa della Santa Sede per fare rientrare i lefebvriani nella Chiesa cattolica dopo lo 'scisma' degli anni Ottanta. "Non è da aspettare in questi giorni una definizione dei rapporti con i Lefebvriani". Nei giorni scorsi era emerso, dalla Francia, che una lettera datata 8 gennaio aveva raggiunto il superiore della fraternità sacerdotale San Pio X, il vescovo Bernard Fellay. Il documento era firmato dall'arcivescovo Gerhard Ludwig Mueller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e presidente della commissione Ecclesia Dei. L'esistenza della lettera è stata confermata dall'abbé Claude Barthe, in un'intervista apparsa su 'Present': "Tutti sanno ormai che la Commissione Ecclesia Dei ha inviato una lettera al vescovo Fellay l'otto gennaio e che si aspetta una risposta da lui il 22 febbraio, il giorno della festa della Cattedra di San Pietro. In questo giorno, 22 febbraio, potrebbe essere datata la costituzione della prelatura San Pio X. Questo rappresenterebbe la vera conclusione del pontificato di Benedetto XVI: la riabilitazione di monsignor Lefebvre. Potete immaginare che rombo di tuono e anche, indirettamente, quale peso nell'orientamento degli eventi di marzo", cioè del conclave. L'ufficio stampa dei lefebvriani a Parigi non aveva commentato la notizia. Nessuna nota ufficiale, solo un commento a mezza bocca: "L'abate Barthe parla a titolo personale". Quello dei lefebvriani è stato un capitolo centrale del pontificato di Ratzinger, che dello 'scisma' ultratradizionalista si era già occupato da cardinale. Appena eletto Papa, nel 2005, ricevette il successore di Lefebvre a Castel Gandolfo. Poi - gesto gradito ai Lefebvriani - la liberalizzazione del messale pre conciliare (2007), la revoca della scomunica a mons Fellay e agli altri tre vescovi lefebvriani (2009) e, infine, due anni di negoziati dottrinali con la Santa Sede, che però non hanno ancora portato ad un rientro della fraternità sacerdotale nella Chiesa cattolica.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina