domenica 04 dicembre | 17:45
pubblicato il 24/mag/2014 12:00

Papa in Giordania: profondo rispetto e stima per musulmani

Re promuove adeguata comprensione virtù proclamate dall'Islam

Papa in Giordania: profondo rispetto e stima per musulmani

Gerusalemme, 24 mag. (askanews) - Il Papa ha voluto "rinnovare" il proprio "profondo rispetto" e la propria "stima per la comunità Musulmana", nel discorso alle autorità della Giordania al palazzo reale di Amman (membri della casa reale, ambasciatori, rappresentanti delle religioni), ed ha espresso "apprezzamento per il ruolo di guida svolto da Sua Maestà il Re nel promuovere una più adeguata comprensione delle virtù proclamate dall'Islam e la serena convivenza tra i fedeli delle diverse religioni". "Esprimo riconoscenza alla Giordania - prosegue - per aver incoraggiato diverse importanti iniziative a favore del dialogo interreligioso per la promozione della comprensione tra Ebrei, Cristiani e Musulmani, tra le quali quella del Messaggio Interreligioso di Amman e per aver promosso in seno all'ONU la celebrazione annuale della Settimana di Armonia tra le Religioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari