martedì 24 gennaio | 16:47
pubblicato il 13/feb/2013 10:57

Papa: ho preso decisione in piena liberta' per il bene della Chiesa

Papa: ho preso decisione in piena liberta' per il bene della Chiesa

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 13 feb - ''Cari fratelli e sorelle, come sapete ho deciso di rinunciare al ministero che il Signore mi ha affidato il 19 aprile 2005. Ho fatto questo in piena liberta' per il bene della Chiesa, dopo aver pregato a lungo ed aver esaminato davanti a Dio la mia coscienza, ben consapevole della gravita' di tale atto, ma altrettanto consapevole di non essere piu' in grado di svolgere il ministero petrino con quella forza che esso richiede''. Cosi' Benedetto XVI, nell'udienza generale in Vaticano nell'Aula Paolo VI. Interrotto dall'applauso dei fedeli, il papa ha aggiunto: Grazie per la vostra simpatia''. Il pontefice ha quindi ripreso: ''Mi sostiene e mi illumina la certezza che la Chiesa e' di Cristo, il quale non le fara' mai mancare la sua guida e la sua cura. Ringrazio tutti per l'amore e la preghiera con cui mi avete accompagnato. Continuate a pregare per il papa e per la Chiesa''.''Ho sentito quasi fisicamente in questi giorni, non facili per me, la forza delle vostre preghiere'', ha detto ancora Benedetto XVI. Nella sua consueta catechesi, il papa citando la seconda tentazione, quella del potere, ha aggiunto: ''Gesu' ha ben chiaro che non e' il potere mondano che salva il mondo, ma il potere della croce, dell'umilta', dell'amore''. ''Qual e' il nocciolo delle tre tentazioni che subisce Gesu'? E' la proposta di strumentalizzare Dio, di usarlo per i propri interessi, per la propria gloria e il proprio successo. E dunque, in sostanza, di mettere se stessi al posto di Dio, rimuovendolo dalla propria esistenza e facendolo sembrare superfluo. Ognuno dovrebbe chiedersi allora: che posto ha Dio nella mia vita? E' Lui il Signore o sono io?''. ''Superare la tentazione di sottomettere Dio a se' e ai propri interessi o di metterlo in un angolo e convertirsi al giusto ordine di priorita', dare a Dio il primo posto, e' un cammino che ogni cristiano deve percorrere''. Papa: tante prove per cristiano d'oggi. Non credenti per tradizione Benedetto XVI ha poi aggiunto che ''oggi non si puo' piu' essere cristiani come semplice conseguenza del fatto di vivere in una societa' che ha radici cristiane: anche chi nasce da una famiglia cristiana ed e' educato religiosamente deve, ogni giorno, - ha invitato - rinnovare la scelta di essere cristiano, cioe' dare a Dio il primo posto, di fronte alle tentazioni che una cultura secolarizzata gli propone di continuo, di fronte al giudizio critico di molti contemporanei''. gc/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4