giovedì 19 gennaio | 18:08
pubblicato il 12/mar/2013 12:00

Papa/ Fedeli curiosi e cardinali non elettori a San Pietro

Cresce l'attesa per prima fumata. Code per visitare la basilica

Papa/ Fedeli curiosi e cardinali non elettori a San Pietro

Città del Vaticano, 12 mar. (askanews) - Quattro maxischermi ai lati della basilica trasmettono in diretta la messa 'Pro Eligendo Romano Pontifice'. E' ancora mattina e su Roma si è abbattuto un violento temporale. I fedeli a Piazza San Pietro non se ne curano. Stanno in silenzio a guardare le immagini, l'ombrello aperto, nessun mormorio. Sono già arrivati in centinaia, alcuni curiosi, altri semplici visitatori. Ma molti sono qui proprio per l'inizio del Conclave, nel pomeriggio di oggi. Quando la pioggia si fa più intesa, ci si ripara sotto il colonnato. I fedeli si confondono con i curiosi. E i giornalisti. Scattano foto, girano immagini con piccole telecamere. Proprio come i professionisti della stampa, appostati a ogni angolo, per avere la migliore inquadratura. Qualcuno riprende la folla, altri tengono l'obiettivo puntato sul comignolo montato sopra la Cappella Sistina. Troppo presto. La prima fumata (nera) è prevista dopo le 19. Assai numerose le persone in attesa di visitare la basilica alla fine della messa, in coda dalle prime ore del mattino. Riusciranno a entrare solo dopo mezzogiorno. La celebrazione si conclude intorno alle 11.45, la basilica si svuota molto lentamente. Escono prelati, seminaristi, fedeli. E un nutrito gruppo di cardinali non elettori. Renato Raffaele Martino attraversa la piazza a piedi, scortato dalla polizia che lo protegge da giornalisti e fotografi. C'è persino chi lo confonde con l'americano Timothy Dolan. Ovviamente non è lui, partecipa al Conclave, è tra i papabili. Qualcuno prova a fargli una domanda, lui declina. Gentilmente, con un sorriso, facendo un cenno con una mano. Numerosi gli esponenti delle forze dell'ordine. La protezione civile dà una mano a regolare il traffico. L'attesa per la prima votazione è già alta, ma nessuno vuole sbilanciarsi in pronostici. Nabil è un seminarista al Collegio Propaganda Fide. E' originario del Sudan. "Non è importante sapere da dove arrivi il nuovo Papa, se dall'Africa, dall'America o dall'Europa. La Chiesa è universale. Abbiamo solo bisogno di un Pontefice che sappia riconoscere i bisogni della Chiesa", afferma. Non lontano c'è un gruppo di francescani. Sorridono, salutano i fedeli. Tra loro, Fra Volantino Verde, siciliano di Noto. "Non credevo in Dio", racconta. "Da giovane amavo la vita notturna, andavo in moto a 200 all'ora, mi divertivo molto. Poi ho avuto bisogno di Dio, l'ho cercato e l'ho trovato. Ho capito che qui c'è la pienezza". Il nuovo Papa? Gli piacerebbe un Pontefice carismatico, riformista. "Un nuovo Paolo VI non farebbe male a nessuno", dice mentre la piazza si svuota un po'. E' ora di pranzo, meglio mangiare un boccone, l'attesa sarà lunga.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, 9 orologi atomici in avaria sui 18 satelliti di Galileo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale