giovedì 08 dicembre | 21:19
pubblicato il 12/mar/2013 12:00

Papa/ Fedeli curiosi e cardinali non elettori a San Pietro

Cresce l'attesa per prima fumata. Code per visitare la basilica

Papa/ Fedeli curiosi e cardinali non elettori a San Pietro

Città del Vaticano, 12 mar. (askanews) - Quattro maxischermi ai lati della basilica trasmettono in diretta la messa 'Pro Eligendo Romano Pontifice'. E' ancora mattina e su Roma si è abbattuto un violento temporale. I fedeli a Piazza San Pietro non se ne curano. Stanno in silenzio a guardare le immagini, l'ombrello aperto, nessun mormorio. Sono già arrivati in centinaia, alcuni curiosi, altri semplici visitatori. Ma molti sono qui proprio per l'inizio del Conclave, nel pomeriggio di oggi. Quando la pioggia si fa più intesa, ci si ripara sotto il colonnato. I fedeli si confondono con i curiosi. E i giornalisti. Scattano foto, girano immagini con piccole telecamere. Proprio come i professionisti della stampa, appostati a ogni angolo, per avere la migliore inquadratura. Qualcuno riprende la folla, altri tengono l'obiettivo puntato sul comignolo montato sopra la Cappella Sistina. Troppo presto. La prima fumata (nera) è prevista dopo le 19. Assai numerose le persone in attesa di visitare la basilica alla fine della messa, in coda dalle prime ore del mattino. Riusciranno a entrare solo dopo mezzogiorno. La celebrazione si conclude intorno alle 11.45, la basilica si svuota molto lentamente. Escono prelati, seminaristi, fedeli. E un nutrito gruppo di cardinali non elettori. Renato Raffaele Martino attraversa la piazza a piedi, scortato dalla polizia che lo protegge da giornalisti e fotografi. C'è persino chi lo confonde con l'americano Timothy Dolan. Ovviamente non è lui, partecipa al Conclave, è tra i papabili. Qualcuno prova a fargli una domanda, lui declina. Gentilmente, con un sorriso, facendo un cenno con una mano. Numerosi gli esponenti delle forze dell'ordine. La protezione civile dà una mano a regolare il traffico. L'attesa per la prima votazione è già alta, ma nessuno vuole sbilanciarsi in pronostici. Nabil è un seminarista al Collegio Propaganda Fide. E' originario del Sudan. "Non è importante sapere da dove arrivi il nuovo Papa, se dall'Africa, dall'America o dall'Europa. La Chiesa è universale. Abbiamo solo bisogno di un Pontefice che sappia riconoscere i bisogni della Chiesa", afferma. Non lontano c'è un gruppo di francescani. Sorridono, salutano i fedeli. Tra loro, Fra Volantino Verde, siciliano di Noto. "Non credevo in Dio", racconta. "Da giovane amavo la vita notturna, andavo in moto a 200 all'ora, mi divertivo molto. Poi ho avuto bisogno di Dio, l'ho cercato e l'ho trovato. Ho capito che qui c'è la pienezza". Il nuovo Papa? Gli piacerebbe un Pontefice carismatico, riformista. "Un nuovo Paolo VI non farebbe male a nessuno", dice mentre la piazza si svuota un po'. E' ora di pranzo, meglio mangiare un boccone, l'attesa sarà lunga.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni