domenica 22 gennaio | 23:40
pubblicato il 15/set/2014 12:53

Papa domenica in Albania: martiri sotto comunismo e dialogo fedi

Ha elogiato governo unita' nazionale islam, ortodossi e cattolici (ASCA) - Citta' del Vaticano, 15 set 2014 - Il martirio all'epoca del regime comunismo e il dialogo, anche politico, tra fedi, sono i due temi-chiave del viaggio che il Papa compira' domenica in Albania. Lo ha sottolineato il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi.

La visita di un giorno sara' l'occasione per fare un "omaggio per il martirio, vi fu una persecuzione terribile da parte del comunismo ateo" e il Papa "vuol rendere omaggio a questo aspetto della vita della Chiesa e delle confessioni e religioni in questo paese", ha detto il direttore della sala stampa della Santa Sede.

"Come egli stesso ha notato - ha proseguito Lombardi - gli interessa molto incoraggiare un clima di convivenza serena e armonica in modo tale che la buona convivenza tra diverse confessioni e religioni possa essere un messaggio anche per altri paesi e altre parti del mondo, considerto che la maggioranza della popolazione e' musulmana e la presenza cattolica e ortodossa e' consistente".

Era stato lo stesso Jorge Mario Bergoglio a preannunciare il senso del prossimo viaggio in Albania sul volo di ritorno dalla Corea del Sud: "Alcuni dicono che il Papa ha uno stile di incominciare tutte le cose dalla periferia. Ma no, vado in Albania perche'? Per due motivi importanti. Primo, perche' sono riusciti a fare un governo - pensiamo ai Balcani! -, un governo di unita' nazionale tra islamici, ortodossi e cattolici, con un consiglio interreligioso che aiuta tanto ed e' equilibrato. E questo va bene, e' armonizzato. La presenza del Papa e' per dire a tutti i popoli: "Si puo' lavorare insieme!". Io l'ho sentito come se fosse un vero aiuto a quel nobile popolo. E l'altra cosa: se pensiamo alla storia dell'Albania, e' stata religiosamente l'unico dei Paesi comunisti che nella sua Costituzione aveva l'ateismo pratico. Se tu andavi a Messa era anticostituzionale. E poi, mi diceva uno dei ministri, che sono state distrutte - voglio essere preciso nella cifra - 1.820 chiese. Distrutte! Ortodosse, cattoliche… in quel tempo. E poi, altre chiese sono state trasformate in cinema, teatro, sale da ballo... Io ho sentito che dovevo andare: e' vicino, in un giorno si fa...".

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4