domenica 04 dicembre | 14:04
pubblicato il 24/mag/2013 12:00

Papa: Cristiano non si vendica ma vince oppressioni con amore

A messa mattutina ricorda Giornata preghiera per Chiesa in Cina

Papa: Cristiano non si vendica ma vince oppressioni con amore

Città del Vaticano, 24 mag. (askanews) - "Sopportare con pazienza e vincere con amore le oppressioni esterne ed interne": è la preghiera elevata da Papa Francesco durante la Messa Santa Marta nella memoria di Maria Ausiliatrice. Nell'omelia, riportata dalla 'Radio vaticana', Papa Francesco chiede due grazie: "Sopportare con pazienza e vincere con amore". Si tratta di "grazie proprie di un cristiano". "Sopportare con pazienza" - osserva - "non è facile!". "Non è facile, quando vengono le difficoltà da fuori, o quando vengono i problemi nel cuore, nell'anima, i problemi interni". Ma, sopportare - spiega - non è "portare addosso una difficoltà":"Sopportare è prendere la difficoltà e portarla su, con forza, perché la difficoltà non ci abbassi. Portare su con forza: questa è una virtù cristiana. San Paolo ne parla parecchie volte. Sopportare. Questo significa non lasciarci vincere dalla difficoltà. Questo significa che il cristiano ha la forza di non abbassare le braccia, di averle così. Portare, ma su: sopportare. E non è facile, perché lo scoraggiamento viene, e uno ha la voglia di abbassare le braccia e dire: 'Mah, avanti, facciamo quello che possiamo ma niente di più', un po' così...'. Ma no, sopportare è una grazia. Dobbiamo chiederla, nelle difficoltà". L'altra grazia che il Papa chiede è "vincere con amore": "Si può vincere per tante strade, ma la grazia che noi chiediamo oggi è la grazia della vittoria con l'amore, per mezzo dell'amore. E questo non è facile. Quando noi abbiamo nemici fuori che ci fanno soffrire tanto: non è facile, vincere con l'amore. Ci viene la voglia di vendicarci, di fare un'altra contro di lui ... L'amore: quella mitezza che Gesù ci ha insegnato. E quella è la vittoria! L'apostolo Giovanni ci dice, nella prima Lettera: 'Questa è la nostra vittoria: la nostra fede'. La nostra fede è proprio questo credere in Gesù che ci ha insegnato l'amore e ci ha insegnato ad amare a tutti. E la prova che noi siamo nell'amore è quando noi preghiamo per i nostri nemici". Pregare per i nemici, per quelli che ci fanno soffrire - prosegue il Papa "non è facile". Ma siamo "cristiani sconfitti" se non perdoniamo i nemici e se non preghiamo per loro. E "quanti cristiani tristi, scoraggiati, troviamo" - ha esclamato - perché "non hanno avuto questa grazia di sopportare con pazienza e vincere con amore": "Per questo, chiediamo alla Madonna che ci dia questa grazia di sopportare con pazienza e vincere con amore. Quante persone - tanti anziani e anziane - hanno fatto questa strada! Ed è bello guardarli: hanno quello sguardo bello, quella felicità serena. Non parlano tanto, ma hanno un cuore paziente e pieno d'amore. Sanno cosa è il perdono ai nemici, sanno cosa è pregare per i nemici. Tanti cristiani sono così".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari