sabato 03 dicembre | 10:56
pubblicato il 12/feb/2013 12:00

Papa/ Card. Turkson: io successore? Sia fatta volontà del Signore

Il cardinale è indicato tra i papabili, commento a TMNews

Papa/ Card. Turkson: io successore? Sia fatta volontà del Signore

Roma, 12 feb. (askanews) - L'annuncio delle dimissioni del Papa ha colto di sorpresa l'intero collegio cardinalizio. TMNews ha intervistato il cardinale Peter Turkson, ghanese, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, indicato tra i papabili nella successione a Benedetto XVI. "Un po' di sorpresa c'è stata per tutti. Ma è significativo perchè il Papa è un gran pensatore e cerca di esprimersi in modo proverbiale, credo che questo sia un grande gesto di umiltà, è ammirabile che il Papa pensi al bene della Chiesa, e occorre che a mandarla avanti sia qualcuno che abbia più forze di lui". Una scelta da ricondurre alle deboli condizioni di salute? "C'è il fattore salute e anche i rapidi cambiamenti sconvolgenti nel mondo". A chi la indica come possibile successore di Benedetto XVI lei cosa risponde? "Sia fatta la volontà del Signore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari