sabato 25 febbraio | 04:22
pubblicato il 25/feb/2013 12:00

Papa/ Benedetto XVI si congeda, oggi (forse) anticipa il Conclave

In centomila a ultimo commosso Angelus,piazza s.Pietro lo acclama

Papa/ Benedetto XVI si congeda, oggi (forse) anticipa il Conclave

Città del Vaticano, 25 feb. (askanews) - Ieri l'ultimo commosso Angelus della sua vita, oggi con ogni probabilità l'ultimo atto forte di Governo: il 'motu proprio' per la riduzione dei tempi minimi di durata della sede vacante per consentire di iniziare al più presto il Conclave che dovrà eleggere il suo successore. Inizia oggi l'ultima settimana di pontificato di Benedetto XVI che giovedì sera alle 20 cesserà di essere Papa e volerà in elicottero a Castelgandolfo per almeno due mesi, in attesa che nella Cappella Sistina i Cardinali scelgano il nuovo Papa e siano finiti i lavori di ristrtturazione dell'ex monastero in Vaticano dove Papa Ratzinger si rietireà in clausura di preghiera fino al suo ultimo giorno. "Il Signore mi chiama a 'salire sul monte', a dedicarmi ancora di più alla preghiera e alla meditazione. Ma questo non significa abbandonare la Chiesa, anzi, se Dio mi chiede questo è proprio perché io possa continuare a servirla con la stessa dedizione e lo stesso amore con cui l'ho fatto fino ad ora, ma in un modo più adatto alla mia età e alle mie forze", è stato il messaggio di Benedetto XVI alla folla di oltre centomila fedeli accorsi da tutto il mondo per assistere all'ultimo incontro domenicale dalla finestra del palazzo apostolico di questo Papa. "Vi ringrazio per l'affetto e la condivisione, specialmente nella preghiera, di questo momento particolare per la mia persona e per la Chiesa, ha salutato i fedeli Papa Bendetto XVI con la voce rotta dall'emozione. In piazza molti gli slogan e gli striscioni per lui. "Ti vogliamo bene , caro papà" e ancora "Non capiamo la tua scelta ma la rispettiamo, siamo con te". Il Papa, nell'Angelus, ha voluto sottolineare più volte come la sua abdicazione non voglia e non debba essere inteso come un rifiuto del servizio a Dio e alla Chiesa. "La preghiera non è un isolarsi dal mondo e dalle sue contraddizioni, come sul Tabor avrebbe voluto fare Pietro, ma l'orazione riconduce al cammino, all'azione. 'L'esistenza cristiana - ho scritto nel Messaggio per questa Quaresima - consiste in un continuo salire il monte dell'incontro con Dio, per poi ridiscendere portando l'amore e la forza che ne derivano, in modo da servire i nostri fratelli e sorelle con lo stesso amore di Dio'. Cari fratelli e sorelle - ha aggiunto Benedetto XVI - questa Parola di Dio la sento in modo particolare rivolta a me, in questo momento della mia vita. Resteremo vicini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech