martedì 06 dicembre | 09:49
pubblicato il 09/giu/2014 12:00

Papa attualizza le "beatitudini": no a cricche della corruzione

"Beati quelli che lottano contro queste ingiustizie"

Papa attualizza le "beatitudini": no a cricche della corruzione

Città del Vaticano, 9 giu. (askanews) - Le "beatitudini" sono il programma di vita del cristiano. E' quanto affermato da Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta, che ha attualizzato il messaggio evangelico con una serie di esempi come le "cricche della corruzione", le ingiustizie, il male provocato dagli "operatori di guerre o almeno operatori di malintesi". Le beatitudini, ha detto il Papa, sono il "programma", "la carta d'identità del cristiano" e sono le inicazioni pratiche di Gesù "controcorrente" rispetto al mondo. Beati i poveri in spirito: "Le ricchezze - ha avvertito il Papa a quanto riportato dalla Radio vaticana - non ti assicurano niente. Di più: quando il cuore è ricco, è tanto soddisfatto di se stesso, che non ha posto per la Parola di Dio". Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati: "Ma il mondo ci dice: la gioia, la felicità, il divertimento, quello è il bello della vita. E ignora, guarda da un'altra parte, quando ci sono problemi di malattia, problemi di dolore nella famiglia. Il mondo non vuole piangere, preferisce ignorare le situazioni dolorose, coprirle". Beati i miti: se io sono "mite nella vita", ha proseguito, "penseranno che io sono uno stolto", pensino pure quello, ha detto il Papa, "ma tu sei mite, perché con questa mitezza avrai in eredità la Terra". Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, beati - ha soggiunto - quelli "che lottano per la giustizia, perché ci sia giustizia nel mondo". "E' tanto facile - ha ammonito - entrare nelle cricche della corruzione", "quella politica quotidiana del do ut des. Tutto è affari". E "quante ingiustizie. Quanta gente che soffre per queste ingiustizie". E Gesù dice: "Sono beati quelli che lottano contro queste ingiustizie". Beati i misericordiosi: Gesù, ha evidenziato il Papa, non dice "beati quelli che fanno la vendetta, che si vendicano", "tutti noi siamo un esercito di perdonati! Tutti noi siamo stati perdonati". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari