sabato 21 gennaio | 16:41
pubblicato il 11/feb/2013 17:25

Papa: arcivescovo Rossano, decisione colpisce profondamente i cristiani

(ASCA) - Rossano (Cs), 11 feb - ''La Dichiarazione che il Santo Padre Benedetto XVI ha rilasciato al Concistoro straordinario qualche ora fa e' giunta del tutto inattesa e ha colpito profondamente i cristiani e, certamente, tutti gli uomini. Dalle parole con cui il Papa rinuncia al ministero di vescovo di Roma traspare la decisione sofferta, ma serena, dell'uomo di Dio che ha sempre vissuto il suo ministero con spirito di servizio, di dedizione, di amore. Sembra riecheggiare, in questa dichiarazione, quanto egli disse nel primo istante dalla sua elezione a Pontefice, quando si era definito 'un umile operaio nella vigna del Signore'''. Lo ha dichiarato mons. Santo Marciano', Arcivescovo della diocesi di Rossano-Cariati.

''L'amore che il Santo Padre dimostra oggi alla Chiesa non e' rinunciatario ma profondamente umile. E' la concretizzazione piu' impensabile ma piu' autentica - dice mons. Marciano' - dell'umilta' con la quale egli ha servito e continua a servire: l'umilta' di chi e' talmente convinto che Dio regge la storia da non sentire indispensabile nulla, neppure il proprio ruolo. E' un grande atto di fede che ci raggiunge proprio nel cuore dell'Anno della fede. Sento che siamo chiamati tutti - presbiteri e religiosi, famiglie e laici, anziani e bambini - ad accogliere il passo di Benedetto XVI con profondo e affettuoso rispetto, ponendoci in silenzioso ascolto di un evento che gia' appare come un altissimo atto di amore del suo ministero e del suo magistero''.

''Dobbiamo, grati e commossi per l'amore che Benedetto XVI ha riversato nel mondo, nella Chiesa, nei cuori di ciascuno di noi, sentirci spinti a raccoglierci, come lui, in preghiera, e affidare a Dio e alla Vergine la sua vita, certi che quanto la Chiesa e' oggi chiamata a vivere e', nella volonta' d'amore del Signore, un misterioso segno di speranza. Soprattutto, pero', dobbiamo lasciare che il Papa continui a insegnare, in questo momento, quanto ha sempre cercato di dirci in questi intensi e ricchissimi anni di Pontificato: che il cuore della vocazione, di ogni vocazione nella Chiesa, non e' il potere ma il dono di se', non e' il fare ma l'essere; in una parola, e' l'amore. E l'amore, anche questo suo amore, non avra' mai fine!''.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4