domenica 04 dicembre | 01:00
pubblicato il 11/feb/2013 17:25

Papa: arcivescovo Rossano, decisione colpisce profondamente i cristiani

(ASCA) - Rossano (Cs), 11 feb - ''La Dichiarazione che il Santo Padre Benedetto XVI ha rilasciato al Concistoro straordinario qualche ora fa e' giunta del tutto inattesa e ha colpito profondamente i cristiani e, certamente, tutti gli uomini. Dalle parole con cui il Papa rinuncia al ministero di vescovo di Roma traspare la decisione sofferta, ma serena, dell'uomo di Dio che ha sempre vissuto il suo ministero con spirito di servizio, di dedizione, di amore. Sembra riecheggiare, in questa dichiarazione, quanto egli disse nel primo istante dalla sua elezione a Pontefice, quando si era definito 'un umile operaio nella vigna del Signore'''. Lo ha dichiarato mons. Santo Marciano', Arcivescovo della diocesi di Rossano-Cariati.

''L'amore che il Santo Padre dimostra oggi alla Chiesa non e' rinunciatario ma profondamente umile. E' la concretizzazione piu' impensabile ma piu' autentica - dice mons. Marciano' - dell'umilta' con la quale egli ha servito e continua a servire: l'umilta' di chi e' talmente convinto che Dio regge la storia da non sentire indispensabile nulla, neppure il proprio ruolo. E' un grande atto di fede che ci raggiunge proprio nel cuore dell'Anno della fede. Sento che siamo chiamati tutti - presbiteri e religiosi, famiglie e laici, anziani e bambini - ad accogliere il passo di Benedetto XVI con profondo e affettuoso rispetto, ponendoci in silenzioso ascolto di un evento che gia' appare come un altissimo atto di amore del suo ministero e del suo magistero''.

''Dobbiamo, grati e commossi per l'amore che Benedetto XVI ha riversato nel mondo, nella Chiesa, nei cuori di ciascuno di noi, sentirci spinti a raccoglierci, come lui, in preghiera, e affidare a Dio e alla Vergine la sua vita, certi che quanto la Chiesa e' oggi chiamata a vivere e', nella volonta' d'amore del Signore, un misterioso segno di speranza. Soprattutto, pero', dobbiamo lasciare che il Papa continui a insegnare, in questo momento, quanto ha sempre cercato di dirci in questi intensi e ricchissimi anni di Pontificato: che il cuore della vocazione, di ogni vocazione nella Chiesa, non e' il potere ma il dono di se', non e' il fare ma l'essere; in una parola, e' l'amore. E l'amore, anche questo suo amore, non avra' mai fine!''.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari