lunedì 05 dicembre | 04:15
pubblicato il 08/ago/2014 19:37

Papa ancora su Twitter per pregare per iracheni privi di tutto

Terzo tweet odierno secondo strategia comunicativa Santa Sede (ASCA) - Citta' del Vaticano, 8 ago 2014 - "Signore, ti preghiamo di sostenere coloro che in Iraq sono privati di tutto". Cosi' Papa Francesco su Twitter con l'hastag #PrayForPeace.

E' il terzo tweet dedicato oggi da Jorge Mario Bergoglio alla emergenza irachena. Come ha spiegato ai microfoni di Radio vaticana il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, la Santa Sede "cerca di sostenere questo clima di preghiera, di mobilitazione spirituale e di solidarieta'. Uno degli strumenti con cui questo e' stato fatto anche in altre occasioni - e verra' fatto anche in questa occasione - e' l'intensificare e dedicare la diffusione dei tweet del Papa proprio su questo tema, in modo tale da creare un'atmosfera che, in modo continuo, accompagni con partecipazione questa situazione, ricordi i problemi che sono in atto e inviti tutti a pregare e a fare tutto quello il possibile per manifestare la loro solidarieta'".

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari