martedì 17 gennaio | 02:48
pubblicato il 30/set/2014 13:38

Papa: anche il lamento è preghiera ma evitare lamentele da teatro

"La vera preghiera viene dal cuore, dal momento che uno vive"

Papa: anche il lamento è preghiera ma evitare lamentele da teatro

Roma, 30 set. (askanews) - Anche il lamento, in momenti bui, diventa preghiera ma guardiamoci dalle "lamentele da teatro". E' quanto sottolineato da Papa Francesco nella messa odierna a Santa Marta. Radio Vaticana riferisce, sul suo sito internet, che Francesco ha preso spunto da un passo del Libro di Giobbe. Il Papa ha, quindi, ricordato chi vive "grandi tragedie" come i cristiani cacciati dalle loro case per la propria fede.

Giobbe maledice il giorno in cui è nato, la sua preghiera appare come una maledizione. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia sulla Prima Lettura che ci mostra Giobbe maledire la sua vita. "E' stato messo alla prova - ha rammentato il Papa - ha perso tutta la famiglia, ha perso tutti i beni, ha perso la salute e tutto il suo corpo è diventato una piaga, una piaga schifosa". In quel momento, ha sottolineato Francesco, "è finita la pazienza e lui dice queste cose. Sono brutte! Ma lui sempre era abituato a parlare con la verità e questa è la verità che lui sente in quel momento". Anche Geremia, ha rammentato, "usa quasi le stesse parole: 'Maledetto il giorno che nacqui!'". "Ma questo uomo bestemmia? Questa è la mia domanda - si è chiesto Francesco - quest'uomo che sta solo, così, in questo, bestemmia?".

"Gesù, quando si lamenta - 'Padre, perché mi ha abbandonato!' - bestemmia? Il mistero è questo. Tante volte - ha osservato il pontefice - io ho sentito persone che stanno vivendo situazioni difficili, dolorose, che hanno perso tanto o si sentono sole e abbandonate e vengono a lamentarsi e fanno queste domande: perché? Perché? Si ribellano contro Dio. E io dico: 'Continua a pregare così, perché anche questa è una preghiera'. Era una preghiera quando Gesù ha detto a suo Padre: 'Perché mi ha abbandonato!'".

E' una "preghiera quella che fa Giobbe qui. Perché, ha evidenziato, pregare è diventare in verità davanti a Dio. E Giobbe non poteva pregare altrimenti". "Si prega con la realtà - ha soggiunto Francesco - la vera preghiera viene dal cuore, dal momento che uno vive. E' la preghiera nei momenti del buio, nei momenti della vita - ha detto il Papa - dove non c'è speranza, non si vede l'orizzonte".

(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello