lunedì 27 febbraio | 05:48
pubblicato il 23/ago/2014 13:34

Papa: anche cristiani rischiano la tristezza individualista

Se prevalgono stili di vita centrati su denaro, potere, successo (ASCA) - Roma, 23 ago 2014 - "Gli uomini e le donne del nostro tempo corrono il grande rischio di vivere una tristezza individualista, isolata anche in mezzo a una quantita' di beni di consumo, dai quali comunque tanti restano esclusi". Lo ha affermato papa Francesco, nel messaggio che attraverso il segretario di Stato cardinale Pietro Parolin ha inviato al vescovo di Rimini monsignor Lambiasi per l'apertura del Meeting di Comunione e Liberazione, prevista per domani.

"Spesso - si legge nel messaggio - prevalgono stili di vita che inducono a porre la propria speranza in sicurezze economiche o nel potere o nel successo puramente terreno. Anche i cristiani corrono questo rischio. 'E' evidente - afferma il Santo Padre nella Evangelii gaudium - che in alcuni luoghi si e' prodotta una 'desertificazione' spirituale, frutto del progetto di societa' che vogliono costruirsi senza Dio".

Bar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech