martedì 06 dicembre | 11:56
pubblicato il 16/mar/2012 21:00

Papa/ A Cuba probabile incontro Fidel, ma era Wojtyla è lontana

Card. Ortega: Visita è climax di primavera della Chiesa

Papa/ A Cuba probabile incontro Fidel, ma era Wojtyla è lontana

Città del Vaticano, 16 mar. (askanews) - Incontrerà molto probabilmente Fidel Castro, Papa Benedetto XVI, nel corso del viaggio che il Papa compirà a Cuba dal 26 al 28 marzo, come fece nel 1998 Giovanni Paolo II. L'era del suo predecessore, però, è molto distante. L'incontro è "una cosa possibile", detto il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, in un briefing con i giornalisti. "E' un'eventualità, è una cosa possibile. Non è nel programma, non è certo se e quando questo incontro avverrà, ma se (Fidel Castro, ndr.) desidererà incontrare il Santo Padre, il Santo Padre sarà disponibile". La situazione è molto diversa, però, da quella di Wojtyla. Non solo perché all'epoca il 'lider maximo' non aveva ancora passato il potere al fratello Raul, che riceverà Benedetto XVI a Cuba. "Le differenze - spiega Mauro Castagnaro sul mensile dei gesuiti 'Popoli' - riguardano prima di tutto le relazioni tra la Chiesa locale e il governo, migliorate in questi ultimi 14 anni fino a culminare nell'inedita mediazione svolta dal cardinale Jaime Ortega y Alamino, arcivescovo dell'Avana, e dal presidente della Conferenza dei vescovi cattolici di Cuba (Cocc), monsignor Dioniso Garcia, ordinario di Santiago de Cuba, per la liberazione di 126 detenuti, tra cui tutti quelli considerati 'prigionieri di opinione' da Amnesty International. Ad essi si sono aggiunti i quasi 3mila destinatari dell'indulto, deciso dal governo su richiesta delle Chiese cattolica e protestanti, anche in vista dell'arrivo del papa. Questo esito viene, in gran parte, ascritto dagli osservatori alla strategia di rapporti con le autorità così sintetizzata dal primate cubano: 'La via è il dialogo, con la pressione non si arriva da nessuna parte'". La visita del Papa, ha detto di recente lo stesso Ortega, rappresenterà "una sorta di culmine, di climax" della "primavera della Chiesa" in corso nell'isola caraibica. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari