sabato 03 dicembre | 16:36
pubblicato il 12/feb/2013 12:40

Papa: ''Non ho piu' le forze per questo ministero''

Papa: ''Non ho piu' le forze per questo ministero''

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 12 feb - ''Vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l'eta' avanzata, non sono piu' adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando''. Queste le parole con le quali il papa ieri ha annunciato le sue dimissioni. ''Tuttavia, nel mondo di oggi, - ha aggiunto il pontefice - soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, e' necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell'animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me e' diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacita' di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravita' di questo atto, con piena liberta', dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sara' vacante e dovra' essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l'elezione del nuovo Sommo Pontefice. Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l'amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesu' Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinche' assista con la sua bonta' materna i Padri Cardinali nell'eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorro' servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio''. E' molto probabile, secondo quanto ha detto il direttore della sala stampa della santa Sede, padre Federico Lombardi, il Conclave scegliera' il successore entro marzo, in tempo per le celebrazioni della Pasqua.

''Ha mischiato le carte Joseph Ratzinger scrivendo nel nono mese del suo pontificato una Enciclica sull'amore (la Deus Caritas Est). Divenuto Benedetto XVI cogliendo di sorpresa i piu', dopo essere stato un'icona dell'intransigenza cattolica per lunghi anni, con quell'Enciclica sparigliava costringendo tutti a ripartire dall'inizio''. Cosi' si apre il libro ''Ratzinger'' scritto dall'attuale vice direttore de L'Osservatore Romano Carlo Di Cicco. Un libro e parole, quelle sull'inizio del pontificato di Benedetto XVI, che risultano oggi, a quasi sette anni dalla sua pubblicazione, in qualche modo profetiche anche per la fine, con il nuovo gesto di rimischiare le carte che ha ''sparigliato'' la Chiesa e il mondo. Non per nulla il libro fu subito definito anche dalle persone piu' vicine al papa tedesco, quello che meglio lo descriveva ed oggi, in qualche modo, questo giudizio trova inaspettata conferma. Insomma un Joseph Ratzinger che, malgrado l'immagine di uomo mite e poco incline ai gesti eclatanti, ha sempre percorso la sua strada con una indubitabile onesta' intellettuale, con rigore ma senza badare molto alle convenzioni o, ancor piu', alla ragion di stato. Tutto senza clamore e con uno stile quasi nascosto (cosi' differente dal suo grande predecessore) che e' iniziato con il tentativo di ripulire la Chiesa dai suoi peccati, primo fra tutti quello della pedofilia, e di tentare un inizio di riforma della Curia. Ma, scrive Di Cicco nel suo libro, non si puo' capire Ratzinger se non ci si mette sulla lunghezza d'onda del Concilio Vaticano II a cui prese parte come giovane teologo senza diritto di voto e di decisione. Se Giovanni Paolo II fu l'ultimo papa che prese parte da vescovo al Concilio e' legittimo pensare, aggiunge Di Cicco, ''che sia proprio il suo pontificato l'ultimo anello di congiunzione tra il Concilio e il dopo, tra la stagione dei grandi e vivaci dibattiti sul che fare e quella del fare secondo l'eredita' conciliare''. Uno sforzo, quello del dialogo all'interno della Chiesa e soprattutto con le altre confessioni cristiane e non, portato avanti da papa Ratzinger nei suoi anni di pontificato come riconosciuto in queste ore da parte ebraica e islamica. Come non riconoscere, anche qui, il suo coraggio senza guardare alle etichette quando, nella visita alla Moschea blu di Istanbul, nel novembre del 2006, prego' rivolto alla Mecca, provocando piu' di un maldipancia anche nel mondo cattolico?. Ma il ''papa conservatore'', in realta', ha avuto sempre in cuor suo la spinta ad una ''riforma per la transizione'' portandola al cuore della Chiesa. Una consapevolezza iniziata gia' da cardinale nel 2004 con la famosa frase sulla ''sporcizia'' nella Chiesa durante le riflessioni per la Via Crucis del Venerdi' Santo al Colosseo. Una battaglia, che non e' dato ancora sapere quali frutti ha portato e portera' nel futuro, ma che certamente ha portato ferite al papa stesso. Ci sono poi le difficili situazioni come quelle della perdurante crisi delle vocazioni, gli scontri nella Curia, la crisi economica, con gli scandali a questa legata anche entro le Mura Leonine, senza citare ovviamente il caso di 'Vatileaks'. Ma tutto questo e' storia d'oggi e certamente avra' avuto un peso forte sulle decisioni di Joseph Ratzinger. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari