domenica 04 dicembre | 03:31
pubblicato il 29/set/2014 19:38

Palermo, Orlando: "Giunta ha approvato Bilancio da seconda fase"

"Evitate anticipazioni di cassa e razionalizzata la spesa" (ASCA) - Palermo, 29 set 2014 - "E' un bilancio da seconda fase, che e' stato possibile dopo una prima fase in cui sono stati messi in ordine i bilanci delle partecipate che ora sono in pareggio". Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, presentando oggi pomeriggio a Palazzo Galletti i termini della previsione di Bilancio del Comune di Palermo per il biennio 2014/2016, che comportera' una spesa da 1,3 miliardi di euro.

"Abbiamo evitato di fare ricorso ad anticipazioni di cassa e razionalizzato la spesa - ha detto il sindaco -. E' un bilancio di prospettiva in cui abbiamo fatto scelte molto chiare mettendo in garanzia le partecipate per migliorare i servizi ai cittadini; prevedendo strutturalmente le risorse per i lavoratori della Gesip; prevedendo di aumentare le spese per scuola e i servizi sociali; mantenendo la spesa per quanto riguarda la cultura, e salvaguardare il Teatro Massimo e il Biondo". (segue) Xpa

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari