venerdì 02 dicembre | 23:50
pubblicato il 01/mar/2012 17:10

Palermo, Di Pietro: con Borsellino contro i Cuffaro e Ciancimino

"Nostro sostegno non è contro gli altri candidati alle primarie"

Palermo, Di Pietro: con Borsellino contro i Cuffaro e Ciancimino

"Noi abbiamo scelto il centrosinistra perchè è una coalizione riformista all'insegna della legalità. Riteniamo che Rita Borsellino e la sua siano una garanzia in tal senso".Antonio Di Pietro vola a Palermo per dare il suo sostegno a Rita Borsellino, candidata alle primarie del centrosinistra per la guida di Palermo. Il leader dell'Italia dei Valori spiega le ragioni di questa scelta: "Palermo viene dalla storia di Ciancimino, Salvo Lima, di chi come Cuffaro è in galera. Palermo e la Sicilia vengono da una storia da cui bisogna mostrare forte un senso di ribellione". Rita Borsellino rappresenta la migliore Palermo con cui possiamo presentarci agli occhi di tutto il mondo". Messe da parte le polemiche in corso tra i vari candidati, Di Pietro ha concluso il suo intervento sottolineando che Palermo è una cartina di tornasole per quello che può essere il Paese del domani.

Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari