martedì 17 gennaio | 14:26
pubblicato il 25/lug/2015 11:52

Pagano (Ap): Orlando chiarisca, su intercettazioni nessun blitz

L'emendamento ha avuto ok maggioranza, sì miglioramenti condivisi

Pagano (Ap): Orlando chiarisca, su intercettazioni nessun blitz

Roma, 25 lug. (askanews) - Non si spegne la polemica sulla norma che introduce il carcere per chi pubblica intercettazioni 'rubate', approvata ieri in commissione Giustizia alla Camera all'interno del ddl di riforma del processo penale. Alle "perplessità" espresse dal Guardasigilli ribatte il deputato di Area popolare Alessandro Pagano, componente della commissione Giustizia: "Ribadiamo che non c'è alcuna norma 'ammazza-Iene', lo abbiamo spiegato ieri in tutte le salse. L'emendamento in questione è stato depositato mesi fa, quindi non si tratta di alcun blitz, è stato discusso e ha avuto l'ok della maggioranza. E, come già detto ieri, personalmente sono pronto a miglioramenti condivisi del testo in Aula, ovviamente anche per la parte relativa alle sanzioni, per fugare qualsiasi dubbio sul fatto che non c'è alcun 'bavaglio alla stampa'. A questo punto è importante che sia il ministro Orlando a chiarire meglio le sue perplessità".

"Sui giornali oggi però - aggiunge l'esponente di Ap - della mia personale disponibilità a migliorare alcune sfumature del testo non c'è traccia. Evidentemente - prosegue Pagano - faceva più effetto il 'titolone'. Rimandiamo inoltre al mittente chi parla di eventuali 'retromarce', un modo non corretto per giustificare una palese forzatura dell'interpretazione della norma. Per questo definire 'salva-Iene' l'emendamento che verrà presentato in Aula è improprio, per il semplice fatto che appunto non c'è nessuno da salvare. Nessuno è ed era in pericolo. Non c'entra nulla il giornalismo di inchiesta. Ripeto quindi, che sono d'accordo su emendamenti in Aula che facciano emergere questa verità, ovvero no al 'bavaglio alla stampa', ribadendo allo stesso tempo la ratio autentica della norma: evitare che conversazioni 'rubate' tra privati, senza alcuna rilevanza penale, vengano date in pasto all'opinione pubblica per puro gossip ledendo l'immagine delle persone coinvolte. Un principio di civiltà giuridica e che si richiama a valori costituzionali. E' un emendamento 'tutela privacy' - conclude Pagano -, 'le Iene' possono continuare a correre liberamente nella giungla del giornalismo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa