domenica 26 febbraio | 10:08
pubblicato il 09/apr/2013 14:48

P.A.: Vendola, testo lacunoso, condivido preoccupazioni delle imprese

P.A.: Vendola, testo lacunoso, condivido preoccupazioni delle imprese

(ASCA) - Roma, 9 apr - ''Concordo con tutti quei dubbi e quelle critiche che in queste ore stanno avanzando le associazioni imprenditoriali in merito ai contenuti del decreto del Governo per lo sblocco dei pagamenti. Non c'e' piu' tempo da perdere, le imprese stanno morendo e le Regioni non possono restare a guardare''. Lo afferma il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola commentando il provvedimento del governo per lo sblocco dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione.

Entrando nello specifico del provvedimento, Vendola ha espresso le ''sue molte riserve su questo testo che non servira' ne' alle imprese ne' alle Regioni''.

''Intervenga il Parlamento - ha aggiunto Vendola - per modificare un decreto lacunoso che, per molta parte, non corriponde affatto alle urgenze drammatiche che esprimono ora i territori e gli enti locali. Un testo che non interviene laddove invece avrebbe dovuto intervenire, e cioe' sul Patto di stabilita', i cui vincoli sono un cappio al collo delle pubbliche amministrazioni che hanno risorse chiuse in cassaforte per aprire i cantieri e che invece non possono utilizzare''.

Per Vendola ''il decreto, cosi' come e' stato licenziato dal Consiglio dei Ministri, non servira' neanche alla Puglia, che pure ha accumulato una ricca dotazione di cassa, avendo una gestione di bilancio virtuosa''.

''Non ne trarranno nessun beneficio - ha sottolineato Vendola - neanche le imprese pugliesi che risulterebbero penalizzate proprio dalla virtuosita' della Regione Puglia.

Un paradosso intollerabile e ridicolo. Occorre pero' essere chiari e sgomberare il campo dagli equivoci. La Puglia, cosi' come le altre regioni, ha bisogno di un allentamento del Patto di stabilita', ha bisogno di poter spendere le risorse che ha in cassaforte''.

''E' opportuno dunque, anche su questo decreto, intervenire in Parlamento - ha concluso Vendola - e noi stiamo lavorando proprio su alcuni specifici emendamenti che spero siano condivisi dalla totalita' dei parlamentari pugliesi. L'auspicio e' che la discussione in Aula, su un tema cosi' delicato e complicato e in un contesto di confusione per la mancata costituzione delle commissioni parlamentari, possa svolgersi invece senza approssimazione e superficialita'. L'Italia avrebbe bisogno una volta per tutte di legiferare in modo chiaro e netto, affrontando un problema che, nel corso del tempo, si e' stratificato attraverso diversi provvedimenti legislativi''. com-ceg/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech