martedì 17 gennaio | 18:29
pubblicato il 24/mag/2013 14:12

P.A.: relatori, verso modifiche selezionate d'intesa con governo

P.A.: relatori, verso modifiche selezionate d'intesa con governo

(ASCA) - Roma, 24 mag - Si va verso un 'maxiemendamento' al dl debiti della P.A.. E' quanto lasciano intendere i relatori del provvedimento in commissione Bilancio del Senato, Giorgio Santini (Pd) e Antonio D'Ali' (Pdl), che, alla luce delle 252 proposte di modifiche al decreto depositate in commissione, sottolineano l'orientamento a concentrarsi su ''poche, selezionate e significative'' modifiche, d'intesa con il governo, per poter rispettare i tempi molto stretti del provvedimento che scade il prossimo 7 giugno. C'e' dunque una correzione di tiro rispetto alle dichiarazioni del ministro per lo Sviluppo economico, Flavio Zanonato, che considerava blindato il decreto: secondo Santini, il sottosegretario all'Economia Alberto Giorgetti avrebbe invece aperto alla possibilita' di modifiche in commissione, ''a condizione che si tratti di interventi selezionati e mirati''.

L'obiettivo che ci si pone, spiegano ancora i relatori, e' concludere l'esame in Senato del decreto entro la prossima settimana, o al massimo entro lunedi' o martedi' della successiva (il 3 o il 4 giugno), in modo da lasciare lo spazio alla Camera per il via libera definitivo.

L'agenda dei lavori prevede dunque che martedi' prossimo i relatori esamineranno le proposte dei gruppi, mentre mercoledi' e' in programma un incontro con l'esecutivo per mettere a punto ''un emendamento d'intesa con il Governo stesso per poche e significative proposte dato che i margini di tempo sono molto ristretti''.

Entrando nel merito delle modifiche possibili, anzi ritenute ''necessarie'', i relatori sottolineano i punti qualificanti su cui ci si intende concentrare: la certificazione dei debiti (con una semplificazione dei meccanismi attualmente previsti), la priorita' nei pagamenti, l'ampliamento del plafond nella 'fase due', il patto di stabilita' interno. In particolare su quest'ultimo punto, D'Ali' ribadisce l'intenzione di favorire i Comuni 'diligenti', quelli che hanno sforato i termini proprio per effettuare i pagamenti, prevedendo per loro una diminuzione delle sanzioni. Sulla 'fase due' di ampliamento del plafond di 40 miliardi di pagamenti fissato dal decreto si punta a rendere piu' stringente l'impegno gia' previsto per il governo e prevedere un meccanismo che coinvolga banche e Cassa Depositi e prestiti.

njb/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa