giovedì 08 dicembre | 15:59
pubblicato il 03/giu/2014 12:44

P.A.: Madia, riforma Fornero va bilanciata con altri strumenti

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - In una intervista al settimanale 'Oggi', il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, parla anche del taglio delle Prefetture: ''Ci sara' una consultazione di Anci e Regioni: non vogliamo tagliare, vogliamo armonizzare la presenza dello Stato''.

E sulla staffetta generazionale dice: ''Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti sta chiedendo con forza l'introduzione di meccanismi di flessibilita' in uscita, anche nel privato. Con le percentuali di disoccupazione giovanile come le nostre non si puo' non farlo. Nel pubblico, in base alla Costituzione, si entra per concorso. E non ce ne sono da troppo tempo. Dobbiamo creare spazi per nuovi ingressi nella Pubblica Amministrazione''.

Dunque si prepara una revisione della Legge Fornero? ''Non parlerei di revisione'', dice la Madia a 'Oggi'. ''Dobbiamo bilanciarla con altri strumenti: l'esonero dal servizio col 65 per cento dello stipendio, il part-time incentivato, la fine del trattenimento in servizio, l'''opzione donna'' per le lavoratrici ma anche piccoli prepensionamenti''.

Infine, la ''sburocratizzazione'': ''L'accesso a qualsiasi servizio pubblico avverra' attraverso un Pin, una sola identita' digitale, la modulistica verra' standardizzata, le fatturazioni diventeranno elettroniche, i documenti amministrativi digitali. E le banche dati cominceranno a comunicare, evitando situazioni kafkiane''.

Proprio a proposito di banche dati, la Madia rivela: ''Si e' discusso tanto di societa' partecipate, che sono da ridimensionare e ridurre. Prima, pero', bisogna censirle. Ho scoperto che lo hanno fatto due diverse banche dati, una del ministero della Funzione Pubblica e una del ministero dell'Economia. Non solo hanno dati diversi, ma il ministro della Funzione Pubblica non puo' consultare la banca dati del Ministero dell'Economia e viceversa. Perche' in passato nessuno dei due ministri ha voluto cedere sovranita' su questo. Allora ho rinunciato io alla mia, tanto avere due banche dati che non coincidono e non comunicano e' come non averne. E ora nascera' la Banca dati unica, consultabile da governo e cittadini''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni