sabato 03 dicembre | 01:44
pubblicato il 06/giu/2013 16:55

P.A.: Guerra (Anci), serve riordino della finanza locale

(ASCA) - Roma, 6 giu - '''Con il voto della Camera di ieri e' definitivamente legge il provvedimento che sblocca 40 miliardi di euro di pagamenti arretrati della Pubblica Amministrazione alle imprese. Puo' cosi' procedere l'attivita', gia' avviata con l'emanazione del decreto, per l'erogazione concreta dei pagamenti. E' una buona cosa per le imprese, soprattutto quella piccole e medie''. Cosi' Mauro Guerra, Coordinatore nazionale Anci piccoli Comuni commenta la definitiva approvazione del Dl che sblocca i pagamenti della PA.

''Si comincia a rimettere in circolazione liquidita' - aggiunge - a pagare imprese che attendono da troppo tempo, a ridare fiato agli investimenti degli Enti locali, a ridare una prospettiva di sostenibilita' ai piccoli Comuni. L'esame parlamentare ha migliorato il decreto non solo sul versante dei Comuni ma anche per la semplificazione delle procedure e per le possibilita' di compensazione tra crediti e debiti fiscali delle imprese''.

Guerra elenca quindi le principali novita' per quel che riguarda i Comuni: i Comuni potranno escludere, nei limiti di 5 miliardi, dai vincoli del patto di stabilita' non solo i pagamenti dei debiti in conto capitale maturati entro il 31.12.2012 e non ancora pagati, ma anche i pagamenti della stessa natura gia' effettuati prima del 9 aprile 2013; con il Patto di stabilita' verticale le Regioni metteranno a disposizione di Province e Comuni spazi finanziari per 1.272.006.281 euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014 per pagamenti di debiti di parte capitale, anche successivi al 31.12.2012, che saranno esclusi dai vincoli del Patto. In particolare si tratta di 954.004.710 euro all'anno per i Comuni, di cui almeno il 50 per cento a favore dei piccoli Comuni con popolazione fra 1000 e 5000 abitanti; la proroga, al 30 settembre 2013, del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione, a causa delle intollerabili incertezze ancora presenti in merito alle risorse finanziarie disponibili per i Comuni ed ai tagli cui sono sottoposti; viene consentito l'utilizzo in parte corrente del gettito di parte delle entrate derivanti da oneri di urbanizzazione; sono modificati i termini delle delibere sulle aliquote IMU; e' previsto il rimborso ai Comuni del taglio ai trasferimenti derivato dal conteggio nel gettito IMU di quello imputabile agli immobili posseduti dai Comuni stessi; viene ripristinata, in determinate condizioni, la possibilita' per i Comuni di acquistare immobili a titolo oneroso per interventi di pubblica utilita'; sono definiti nuovi criteri per il riparto del Fondo di riequilibrio e del Fondo di solidarieta'.

'''Complessivamente - spiega - vi e' una importante manovra di abbattimento del peso del patto per tutti i Comuni e di grande rilievo per i piccoli Comuni, per i quali vi e' poi l'impegno del Governo a lavorare per la loro totale esclusione. Vi sono inoltre norme che, con proroghe e deroghe, aiutano i Comuni a tamponare una situazione che e' pero' ormai strutturalmente insostenibile. Il sistema della finanza locale, oggetto di tagli e vincoli sempre piu' pesanti e insostenibili, e' stato ed e' oggetto di una miriade di interventi scoordinati ed emergenziali che rendono impossibile la programmazione degli enti ma ormai anche la gestione ordinaria''.

Guerra sottolinea poi '''la drammaticita' e la inaccettabilita' di questa condizione e quindi l'urgente necessita' di un intervento razionale di riordino e semplificazione di tutte le questioni aperte sul fronte delle regole di finanza locale, dal patto di stabilita' al regime dei trasferimenti e dei fondi, sino alle norme su IMU ed entrate tributarie, in questo senso - conclude - auspichiamo che il Parlamento approvi una mozione urgente che impegni il Governo ad emanare un provvedimento normativo che non solo consenta ai Comuni di fare i bilanci, ma rimetta al centro il tema della loro autonomia finanziaria e del rilancio della loro capacita' di investimento, quanto mai indispensabile per far ripartire l'economia del Paese''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari