sabato 21 gennaio | 03:48
pubblicato il 24/lug/2013 17:39

P.A.: Fassino, comuni a rischio default, urge confronto col governo(RPT)

(RIPETIZIONE CORRETTA) (ASCA) - Roma, 24 lug - Il presidente dell'Anci Piero Fassino lancia un preoccupato allarme sulla capacita' di tenuta dei comuni ''a rischio default'' e chiede ai sindacati e al Pd che il problema venga posto come ''tema fondamentale'' nel confronto col governo che ''fino ad ora non ha dato risposte soddisfacenti''.

Fassino ne ha parlato intervenendo nella sede del Pd alla presentazione del documento PD ''Le pubbliche amministrazioni al servizio dei cittadini, delle imprese, del Paese''.

Il documento dal carattere aperto alle integrazioni, presenta quindici proposte di riforma per tre campi di intervento: produttivita', semplificazione e legalita'.

Delineando un quadro di notevole difficolta', Fassino ha sottolineato che ''se salta la capacita' dei comuni di corrispondere alle necessita' dei cittadini, salta un pezzo di democrazia del nostro paese''.

Cuore del problema ha spieGATO Fassino e' che di fronte alle ''risorse in diminuzione, pubbliche e private'' c'e' ''una domanda crescente'' da parte dei cittadini verso i comuni. A questo punto per Fassino ''o riduciamo i servizi e le erogazioni, accentuando la recessione, o allarghiamo il perimetro finanziario''. Indicando la strada giusta nella seconda alternativa il presidente dell'Anci ha fatto osservare che ''allora e' importante impostare un discorso sul rapporto pubblico-privato'' il che vuol dire -e ha fatto l'esempio degli asili nido a Torino- che ''non possiamo mantenere la gestione diretta di tutto'' e cercare comunque di ''mantenere i servizi'' senza diminuzione e tagli.

Altro punto indicato come ''essenziale'' per affrontare la grave situazione dei comuni e' quello della ''semplificazione normativa'' che va prodotta a tutti i livelli, dalla legge ai regolamenti. Un processo, ha detto, che ''richiede coraggio perche' bisogna mettere in conto anche dei rischi, che si dovranno risolvere in un secondo momento''.

''Guardate -ha ribadito- che siamo ad un punto di rottura'' perche' ''entro il 30 settembre dobbiamo fare i bilanci, ma ancora non conosciamo una serie di dati fondamentali, e noi i bilanci li dobbiamo preparare per l'inizio di settembre. Dunque sono decisive queste settimane.

Il problema e' quello di definire l'assetto finanziario e tributario dei comuni, su quali risorse possono contare''.

Denunciando l'eccessiva produzione normativa che rende il sistema rigido e poco competitivo verso investitori interni ed esteri che chiedono un quadro di certezze e una ragionevole rapidita' per permessi e licenze, Fassino ha affermato che ''quella della pubblica amministrazione e' dunque la riforma delle riforme''.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4