giovedì 23 febbraio | 17:49
pubblicato il 11/ott/2012 14:28

Pa/ Consulta boccia tagli stipendi magistrati-dirigenti pubblici

Manovra del maggio 2010 viola il principio di eguaglianza

Pa/ Consulta boccia tagli stipendi magistrati-dirigenti pubblici

Roma, 11 ott. (askanews) - I tagli alle retribuzioni dei magistrati e dei dirigenti pubblici sono contrari alla Costituzione perché violano il principio di eguaglianza. Lo ha stabilito la Corte costituzionale, bocciando con la sentenza 223/2012 (presidente Alfonso Quaranta, giudice redattore Giuseppe Tesauro) alcune norme contenute nella manovra correttiva varata dal Governo Berlusconi con il decreto-legge del 31 maggio 2010 n. 78 intitolato 'Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica'. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Anche Orlando in corsa per le primarie Pd, domani l'annuncio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech