venerdì 24 febbraio | 13:43
pubblicato il 12/set/2014 17:11

P.A, Centemero (Fi): forze dell'ordine vanno ascoltate

(ASCA) - Roma, 12 set 2014 - "Bloccare gli stipendi della P.A. e' sempre una scelta difficile, ma sappiamo qual e' la situazione dei nostri conti e purtroppo i soldi non ci sono. Ancora una volta, i dipendenti pubblici sono chiamati a fare sacrifici, ma non possiamo dimenticare che nel privato va molto peggio: tantissime persone non hanno lavoro, mentre gli statali hanno la sicurezza del loro posto di lavoro". Lo ha detto la deputata di Forza Italia Elena Centemero, intervenendo a Radio Cusano Campus.

"Credo pero' che, in una situazione di oggettiva difficolta', il caso delle forze dell'ordine meriti un supplemento di attenzione e di riflessione da parte del governo, perche' - ha aggiunto - i loro stipendi sono fermi da troppo tempo mentre i rischi che corrono quotidianamente durante il servizio aumentano di pari passo con la crisi. La sicurezza e' un diritto di tutti i cittadini e chi e' preposto a tutelarla va ascoltato".

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech