sabato 03 dicembre | 20:45
pubblicato il 08/apr/2013 09:19

P.A: Brunetta, daremo battaglia sul decreto per le imprese (La Stampa)

P.A: Brunetta, daremo battaglia sul decreto per le imprese (La Stampa)

(ASCA) - Roma, 8 apr - ''C'e' un bel test per verificare come si puo' governare con il Pd: presentare insieme emendamenti al decreto per il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione''. Lo ha sottolineato, in un'intervista a La Stampa, il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta. Dalle pagine del quotidiano, l'ex ministro ha annunciato che il partito aprira' da martedi' una serie di audizioni con gli enti locali e le associazioni imprenditoriali per poi presentare ''emendamenti migliorativi da sottoporre al parlamento''. Questo anche perche' quello uscito dal Cdm e' un decreto ''che non piace alle imprese e presentato da un governo zombi: voglio vedere cosa fara', cosa mi rispondera' il morto che cammina. Mettera' la fiducia? E' chiaro che non puo' farlo perche' non ha mai avuto la fiducia''. ''Abbiamo patito per 15 mesi Monti, ora questa fase e' finita per sempre: il governo - ha aggiunto Brunetta - non ha alcuna legittimita'. Abbiamo bisogno di uno pienamente legittimo e formato da Pd e dal Pdl, e da Scelta Civica se ci sta''. brm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari