sabato 03 dicembre | 13:16
pubblicato il 19/lug/2013 14:39

P.A.: Brunetta, bene Saccomanni. Accelerare pagamento debiti

P.A.: Brunetta, bene Saccomanni. Accelerare pagamento debiti

(ASCA) - Roma, 19 lug - ''Il ministro dell'Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, parlando con la stampa a Mosca durante il G20, ha annunciato che a partire da lunedi' dara' conto ogni quindici giorni dell'avanzamento nei pagamenti dei debiti scaduti della pubblica amministrazione. E' un impegno importante e significativo e rappresenta la prima risposta a quanto da giorni chiedo al governo: accelerare il piu' possibile con il progetto pagamenti, dar conto dell'implementazione del decreto diventato legge, anticipare al 2013 le risorse stanziate nel 2014, 50 miliardi di euro, consentendo in questa maniera una sorta di shock positivo per l'economia italiana''. Lo scrive in una nota il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta. ''La pubblicazione dei dati e la massima trasparenza su tutte le tappe - ha spiegato Brunetta - sono una spinta in avanti essenziale.

L'annunciato report sui risultati, in termini di risorse messe a disposizione, di effettivo utilizzo dei fondi, di rispetto del principio di priorita' ai fornitori che attendono da piu' tempo e' un tassello importantissimo. Ma non basta''. ''Bene Saccomanni, prosegua sulla strada che ha appena intrapreso, ma aspettiamo conferme anche agli altri impegni presi in sede di risposta alle nostre interpellanze e in occasione dei lavori della cabina di regia tra governo e maggioranza. Le amministrazioni centrali e locali, infatti, per poter saldare i propri debiti, oltre a ricevere le necessarie risorse, devono seguire una procedura di certificazione del credito e di comunicazione alle imprese particolarmente complessa. Ci attendiamo che il ministero metta a disposizione regole operative stabili, realizzi soluzioni tecnologiche efficienti per la certificazione del credito, stimoli tutte le amministrazioni a pubblicare gli elenchi con i termini di pagamento e sanzioni le amministrazioni inadempienti. Solo cosi' diventera' credibile l'anticipo al 2013 delle risorse del 2014'', ha spiegato brunetta aggiungendo che ''vediamo il rischio che le risorse non siano integralmente utilizzate per i debiti scaduti, che le amministrazioni incontrino inutili difficolta' nel certificare il credito soprattutto delle piccole imprese, che il ritardo nelle comunicazioni e nella pubblicazione degli elenchi non sia punito come la legge prevede (100 euro per ogni giorno di ritardo nella certificazione del credito). Vigilare e dar conto serve moltissimo ma non basta.

Mi aspetto un'azione forte del ministro anche come motore di spinta del sistema pubblico e non solo come osservatore distaccato'', ha concluso. com-brm/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari