domenica 04 dicembre | 05:23
pubblicato il 27/giu/2013 10:31

P.A: Brunetta, accelerare pagamenti e' chiave per rilanciare economia

(ASCA) - Roma, 27 giu - ''I provvedimenti del governo? Serviva ben altro per far ripartire l'economia. Lo strumento ce l'abbiamo gia': i pagamenti della pubblica amministrazione''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, intervistato da TgCom24. Brunetta ha ricordato che ''abbiamo approvato un decreto, per 20, 40, 60, 80 miliardi da spendere nell'arco di un anno, per pagare quanto le pubbliche amministrazioni devono alle imprese. Se questo decreto, che ormai e' legge, verra' accelerato e si formera' questa massa di pagamenti, le imprese potranno riscuotere e a loro volta pagheranno i loro fornitori in una sequenza virtuosa che finalmente puo' dare un impatto positivo all'economia italiana, e che potrebbe dare anche il gettito necessario per la copertura del provvedimento dell'Iva e per altro''. ''Abbiamo questo provvedimento, mi aggancerei a questo: pagamenti, pagare da parte dello Stato le imprese creditrici'', ha concluso Brunetta.

com-brm/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari